Mirabilandia

Il giro della morte più alto del mondo (gallery)

Inaugurati spettacolo ed evoluzioni di "Grosso guaio a Stunt City”

| Altro
N. Commenti 0

31/maggio/2015 - h. 00.50

MIRABILANDIA - "Grosso guaio a Stunt City” è il nome del nuovo spettacolo mozzafiato inaugurato ieri pomeriggio a Mirabilandia - con vip dello spettacolo come Roby Facchinetti, storico leader dei Pooh, e il figlio Dj Francesco - davanti a una grande platea di adulti e bambini, i primi ancora più entusiasti dei piccoli. Si tratta di un inedito “giro della morte” con la parabola più alta del mondo. Stiamo parlando di 15 metri da terra. Il vero guaio sarebbe stato però se qualcuno degli astanti fosse stato costretto a inaugurarlo personalmente, dal momento che, provare semplicemente a guardare per credere, è un’esperienza semplicemente spaventosa. Niente di tutto questo per fortuna perché, a differenza di tutti gli altri spericolati ma accessibili macchinari del parco, questo nuovo circuito infernale è destinato esclusivamente a professionisti del rischio, ovvero ad autentici stunt man, quelli che al cinema fanno le controfigure di 007 che si butta dall’undicesimo piano.

Nella fattispecie gli stunt-piloti viaggiano sulle indiavolate automobili, le Hot Wheels, sospesi a testa in giù alla suddetta considerevole altezza lanciandosi a tutto gas nello spericolato tracciato che è lungo 65 metri e largo 8. Per realizzarlo sono stati impiegati materiali dal peso complessivo di 3.500 chili e utilizzati addirittura 1500 bulloni. Ad arricchire il tutto una trama avvincente: Larry, scienziato un po’ folle, è riuscito a trovare la formula per creare le auto e i piloti del futuro, in grado di cambiare il destino dell’umanità. Una formula così segreta e preziosa da diventare oggetto di desiderio di una banda di cattivoni senza scrupoli, che farà di tutto per impadronirsene. Tra colpi di scena ed acrobazie, le Hot Wheels saranno dunque protagoniste di uno show ad alta adrenalina in cui non mancherà il fatidico scontro finale tra buoni e cattivi, ovviamente da disputarsi con uno o più giri della morte (ma non morirà nessuno, state tranquilli).

Per sottolineare il dato tecnico, va anche detto che lo spettacolo, “Grosso guaio a Stunt City” appunto, oltre ad essere unico al mondo, è frutto della partnership tra Mirabilandia e Mattel, la celebre casa produttrice di giocattoli di ogni specie e dimensione per intere generazioni di bimbi e meno bimbi. La collaborazione prevede l’allestimento del brand Hot Wheels in tutte le scenografie, dai veicoli utilizzati nelle rutilanti sarabande agli stessi attori. Giornata insomma di emozioni sfrenate al parco divertimenti ravennate con il direttore generale Giovanni Cavalli a fare gli onori di casa, compreso il taglio della torta inaugurale in cui si è esibito con l’ausilio della famiglia Facchinetti, la quale per l’occasione non si è però esibita in qualcuno dei suoi numerosi successi canzonettari. “Siamo molto orgogliosi di questa partnership con Mirabilandia - afferma il Team Mattel Italy, composto da Flavio Di Maio, Anna Garau e Anna Leccese. “L’essenza di questo spettacolo sta nel catturare le emozioni che si sono provate da bambini giocando con Hot Wheels e concretizzarle nella vita reale a grandezza naturale”.

Tommaso Zucchini