Rimini

Il sovrappasso di via Roma c'è (gallery)

Posizionato il ponte è stata riaperta nella notte la circolazione stradale

| Altro
N. Commenti 0

08/aprile/2017 - h. 13.05

In anticipo su quanto prefissato dal programma, si sono conclusi qualche minuto dopo la mezzanotte di stamane i lavori di costruzione del nuovo sovrappasso di via Roma.
Un intervento che ha comportato per motivi di sicurezza la chiusura di via Roma nel tratto tra via Tripoli e via Bastioni orientali con ripercussioni sulla viabilità della città che ora è potuta tornare alla normalità.
“Sono tanti i grazie che come Amministrazione comunale vorremmo spendere – ha detto l’assessore ai Lavori pubblici Jamil Sadegholvaad – al termine di questo nuovo, oneroso impegno. Un grazie alle maestranze della Technologica srl, che si è impegnata con competenza e grande professionalità all’installazione di una struttura che sarà strategica per la qualità della vita dei riminesi; un grazie a tutto il personale della Direzione Lavori pubblici, che dalla progettazione – tutta interna – alla direzione lavori, hanno seguito e spronato, non senza difficoltà e problemi, l’intervento in cantiere; un grazie agli operatori della Polizia municipale e al loro Comando, che hanno affrontato con grande professionalità e spirito di corpo, trovando e modulando le migliori soluzioni per favorire la viabilità, una prova importante fianco a fianco coi cittadini; e un grazie anche a loro, a tutti i riminesi che hanno compreso l’impegno e, pur tra le difficoltà, lo hanno accettato di buon grado.”
L’operazione di varo del ponte che da ieri sorvola la via Roma era iniziata nel pomeriggio di mercoledì con la posa delle quattro antenne a cui ha fatto seguito nella mattinata di ieri la posa dell’impalcato che, dopo essere stato montato a terra nei giorni scorsi, era stato sollevato coi suoi 300 quintali dalla gru e posizionato tra i piloni di 14 metri d’altezza. Qui nel pomeriggio fino a notte il montaggio dei 12 stralli – tre per ogni antenna – a sostegno.
Un’operazione molto delicata e di grande professionalità che moltissimi riminesi hanno voluto seguire passo a passo, che proseguirà con la realizzazione delle opere complementari – pavimentazione, sponde - nei prossimi giorni per arrivare al completamento entro il 20 aprile, giorno prefissato per il collaudo.
Rimini si dota quindi di un’importante opera strategica che risolverà le problematiche dell’attraversamento di via Roma per cicli e pedoni, consentendo così una maggior fluidificazione del traffico veicolare lungo l’asse mediano di via Roma e, allo stesso tempo, la ricucitura dell’Anello Verde, la circonvallazione ciclabile che, attraversando i maggiori parchi della città, mette in collegamento mare e monte della città, il centro storico, i borghi e la marina.
Il nuovo sovrappasso ciclopedonale ha, così come richiesto da tutte le normative vigenti, una “luce” netta di 5 metri dal piano stradale e un’estensione di circa 225 metri. La larghezza è di circa 4.15 metri, di cui 2.5 metri riservati alla sede della ciclabile bidirezionale e 1.5 metri riservati alla sede della pista pedonale bidirezionale, separate fra loro dalla segnaletica orizzontale. La prima parte del percorso provenendo dall’Arco d’Augusto, è di circa 32.5 metri in rilevato, caratterizzata dalla finitura in asfalto rosso, che nasce dal parco. La seconda parte della ciclopedonale, invece, è caratterizzata dalla pavimentazione legno e delimitata da balaustre ed avrà un’estensione di circa 52,5 metri. Il ponte vero è proprio misura 22,5 metri.
Il costo complessivo dell’opera è stato di 837.894,92 euro.
In anticipo su quanto prefissato dal programma, si sono conclusi qualche minuto dopo la mezzanotte di stamane i lavori di costruzione del nuovo sovrappasso di via Roma.

Un intervento che ha comportato per motivi di sicurezza la chiusura di via Roma nel tratto tra via Tripoli e via Bastioni orientali con ripercussioni sulla viabilità della città che ora è potuta tornare alla normalità.

“Sono tanti i grazie che come Amministrazione comunale vorremmo spendere – ha detto l’assessore ai Lavori pubblici Jamil Sadegholvaad – al termine di questo nuovo, oneroso impegno. Un grazie alle maestranze della Technologica srl, che si è impegnata con competenza e grande professionalità all’installazione di una struttura che sarà strategica per la qualità della vita dei riminesi; un grazie a tutto il personale della Direzione Lavori pubblici, che dalla progettazione – tutta interna – alla direzione lavori, hanno seguito e spronato, non senza difficoltà e problemi, l’intervento in cantiere; un grazie agli operatori della Polizia municipale e al loro Comando, che hanno affrontato con grande professionalità e spirito di corpo, trovando e modulando le migliori soluzioni per favorire la viabilità, una prova importante fianco a fianco coi cittadini; e un grazie anche a loro, a tutti i riminesi che hanno compreso l’impegno e, pur tra le difficoltà, lo hanno accettato di buon grado.”

L’operazione di varo del ponte che da ieri sorvola la via Roma era iniziata nel pomeriggio di mercoledì con la posa delle quattro antenne a cui ha fatto seguito nella mattinata di ieri la posa dell’impalcato che, dopo essere stato montato a terra nei giorni scorsi, era stato sollevato coi suoi 300 quintali dalla gru e posizionato tra i piloni di 14 metri d’altezza. Qui nel pomeriggio fino a notte il montaggio dei 12 stralli – tre per ogni antenna – a sostegno.

Un’operazione molto delicata e di grande professionalità che moltissimi riminesi hanno voluto seguire passo a passo, che proseguirà con la realizzazione delle opere complementari – pavimentazione, sponde - nei prossimi giorni per arrivare al completamento entro il 20 aprile, giorno prefissato per il collaudo.

Rimini si dota quindi di un’importante opera strategica che risolverà le problematiche dell’attraversamento di via Roma per cicli e pedoni, consentendo così una maggior fluidificazione del traffico veicolare lungo l’asse mediano di via Roma e, allo stesso tempo, la ricucitura dell’Anello Verde, la circonvallazione ciclabile che, attraversando i maggiori parchi della città, mette in collegamento mare e monte della città, il centro storico, i borghi e la marina.

Il nuovo sovrappasso ciclopedonale ha, così come richiesto da tutte le normative vigenti, una “luce” netta di 5 metri dal piano stradale e un’estensione di circa 225 metri. La larghezza è di circa 4.15 metri, di cui 2.5 metri riservati alla sede della ciclabile bidirezionale e 1.5 metri riservati alla sede della pista pedonale bidirezionale, separate fra loro dalla segnaletica orizzontale. La prima parte del percorso provenendo dall’Arco d’Augusto, è di circa 32.5 metri in rilevato, caratterizzata dalla finitura in asfalto rosso, che nasce dal parco. La seconda parte della ciclopedonale, invece, è caratterizzata dalla pavimentazione legno e delimitata da balaustre ed avrà un’estensione di circa 52,5 metri. Il ponte vero è proprio misura 22,5 metri.

Il costo complessivo dell’opera è stato di 837.894,92 euro.