Rimini

165 anni dalla fondazione della Polizia di Stato (gallery)

"Esserci sempre". Festa alla Sala dell’Arengo del Palazzo dei Congressi di Rimini

| Altro
N. Commenti 0

11/aprile/2017 - h. 03.44

Nella prestigiosa cornice della Sala dell’Arengo del Palazzo dei Congressi di Rimini la Polizia di Stato ha festeggiato oggi il 165° anniversario della sua fondazione. Esserci sempre è il tema conduttore che esalta il senso di responsabilità sempre appassionato delle donne e degli uomini della Polizia di Stato nell'affrontare le sfide di un mondo in continua evoluzione.
La cerimonia ha avuto inizio nella prima mattinata, quando il Questore di Rimini, dr. Maurizio Improta, e il Prefetto di Rimini, dr.ssa Gabriella Tramonti, hanno deposto una corona di alloro in ricordo del Sovr. Antono Mosca – poliziotto morto il 29 Luglio 1989 in conseguenza delle ferite subite in una sparatoria con tre criminali della “Banda della Uno Bianca” il 3 Ottobre 1987 sull’autostrada A14 all’altezza del casello di Cesena – presso l’omonima Caserma di viale Toscanelli, nonché in ricordo di tutti i Caduti della Polizia di Stato presso la sede della Questura di Rimini in corso d’Augusto.
Alle 11.20 la Cerimonia ufficiale ha avuto inizio presso la Sala dell’Arengo del Palancogressi di Rimini, alla quale sono intervenute le Autorità istituzionali e religiose della provincia nonché i familiari delle vittime del dovere. 
La cerimonia è iniziata con la lettura dei messaggi delle più alte cariche dello Stato e del Capo della Polizia-Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Prefetto Franco Gabrielli ed è proseguita dapprima con un intervento del Questore, Maurizio Improta, e del Prefetto Gabriella Tramonti, e successivamente con la consegna dei riconoscimenti di merito al personale che si è distinto in operazioni di servizio. 
Alla cerimonia ha partecipato anche una rappresentanza di docenti e studenti delle scuole del capoluogo, la quale è stata poi accompagnata dagli agenti della Polizia Stradale – che quest'anno festeggia il 70esimo Anniversario della fondazione della Specialità - presso un locale parco tematico per presentare le misure di sicurezza da adottare per i bambini che vengono trasportati in autovetture.
All’interno del Palacongressi, dove è stato possibile ammirare auto e divise d’epoca della Polizia di Stato concesse per l’occasione dal Museo storico della Polizia di Stato di Roma e da un collezionista privato, sono state inoltre allestiti due gazebo: uno dedicato alla campagna di sensibilizzazione della cittadinanza al fenomeno della violenza di genere e l’altro predisposto dagli specialisti della polizia stradale.
Nella prestigiosa cornice della Sala dell’Arengo del Palazzo dei Congressi di Rimini la Polizia di Stato ha festeggiato oggi il 165° anniversario della sua fondazione. Esserci sempre è il tema conduttore che esalta il senso di responsabilità sempre appassionato delle donne e degli uomini della Polizia di Stato nell'affrontare le sfide di un mondo in continua evoluzione.

La cerimonia ha avuto inizio nella prima mattinata, quando il Questore di Rimini, dr. Maurizio Improta, e il Prefetto di Rimini, dr.ssa Gabriella Tramonti, hanno deposto una corona di alloro in ricordo del Sovr. Antono Mosca – poliziotto morto il 29 Luglio 1989 in conseguenza delle ferite subite in una sparatoria con tre criminali della “Banda della Uno Bianca” il 3 Ottobre 1987 sull’autostrada A14 all’altezza del casello di Cesena – presso l’omonima Caserma di viale Toscanelli, nonché in ricordo di tutti i Caduti della Polizia di Stato presso la sede della Questura di Rimini in corso d’Augusto.

Alle 11.20 la Cerimonia ufficiale ha avuto inizio presso la Sala dell’Arengo del Palancogressi di Rimini, alla quale sono intervenute le Autorità istituzionali e religiose della provincia nonché i familiari delle vittime del dovere. 

La cerimonia è iniziata con la lettura dei messaggi delle più alte cariche dello Stato e del Capo della Polizia-Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Prefetto Franco Gabrielli ed è proseguita dapprima con un intervento del Questore, Maurizio Improta, e del Prefetto Gabriella Tramonti, e successivamente con la consegna dei riconoscimenti di merito al personale che si è distinto in operazioni di servizio. 

Alla cerimonia ha partecipato anche una rappresentanza di docenti e studenti delle scuole del capoluogo, la quale è stata poi accompagnata dagli agenti della Polizia Stradale – che quest'anno festeggia il 70esimo Anniversario della fondazione della Specialità - presso un locale parco tematico per presentare le misure di sicurezza da adottare per i bambini che vengono trasportati in autovetture.

All’interno del Palacongressi, dove è stato possibile ammirare auto e divise d’epoca della Polizia di Stato concesse per l’occasione dal Museo storico della Polizia di Stato di Roma e da un collezionista privato, sono state inoltre allestiti due gazebo: uno dedicato alla campagna di sensibilizzazione della cittadinanza al fenomeno della violenza di genere e l’altro predisposto dagli specialisti della polizia stradale.