Miss

E' di Cesena la "Miss Patacca Vigliacca" 2017 (gallery)

Michelle La Rosa, 18 anni, studentessa di moda e ballerina di danze classiche e latine

| Altro
N. Commenti 0

04/settembre/2017 - h. 13.51

Curve paraboliche e sorriso killer. Questo l'identikit di Michelle La Rosa, 18 anni di Cesena, la nuova "Miss Patacca Vigliacca" 2017 incoronata mercoledì scorso nell'ormai abituale cornice del Music Bar Tequila Blues di San Mauro Mare, il tempio della bellezza creato dalla famiglia Colombari. Studentessa di moda e ballerina di danze classiche e latine, Michelle ha conquistato il pubblico con la sua bellezza genuina, ma anche con un portamento spontaneo e naturale, i requisiti basici per entrare nell'albo d'oro del concorso creato, ormai 12 anni fa, dal vulcanico Betobahia.
La bellezza meno ruspante e più raffinata della 18enne ferrarese Beatrice Lambertini, invece, le è valsa la fascia di Miss "La più bella di Romagna". Grande appassionata di palestra, un musetto da cerbiatto e due occhi vispi incorniciati da una chioma castano biondo-acacia, Beatrice ha sfilato in passerella con grande charme, riscuotendo i grandi consensi dell'altra metà del cielo. 
Ma, in questa edizione 2017, la fascia forse più ambita era quella di "Miss avaridinoi", celebre brand della Versilia - creatore delle t-shirt più gettonate dell'estate 2017 - che metteva in palio una vacanza vip a Canazei nel mese di dicembre organizzata dall'Ale Piva Production ed uno shooting fotografico con veri professionisti della moda. Ad aggiudicarsi la corona è stata la 17enne riccionese Virginia Spimi, appassionata di danza classica. Corpo scolpito e viso perfetto, con una vaga somiglianza alla concittadina Martina Colombari, Virginia diventerà il testimonial "avaridinoi" per un anno intero. 
Tra le altre premiate anche Lara Marinozzi di Macerata, Dalila Ceroni di Bologna e Diana Iuliana d Rimini. Menzione speciale, infine, per Sofia Spera, 15enne nuotatrice di Savignano, forse in prospettiva - per misure e personalità - il talento più interessante per un futuro da modella. 
A presentare la serata - con l'abituale professionalità e simpatia - è stato Franz Collini, mentre "one man show" dello spettacolo, come tradizione impone, è stato Alberto Pazzaglia, al secolo Betobahia, quest'anno autore dal brano di successo "Ti amo" che dà il titolo anche al Cd prodotto e distribuito dalla casa discografica Baccano di Savignano sul Rubicone. Nel backstage, responsabile dei casting e gran cerimoniere dell'evento, il direttore artistico Carmelo Tornatore, talent scout con un'esperienza ormai decennale nel mondo dei concorsi, noto sul territorio per aver lanciato numerose miss e modelle. 
Va dunque in archivio, con il rituale profluvio di selfie e abbracci, anche questa edizione di "La piu Bella di Romagna", la vetrina conosciuta dal pubblico nostrano come "Miss Patacca Vigliacca" che, quest'anno, era valida anche come selezione ufficiale per l'Emilia Romagna del concorso "Miss Principessa d'Europa". Per molte ragazze è stata una serata di spensierato divertimento, per altre potrebbe essere il trampolino per un futuro nello showbiz, dove la Romagna ha sempre avuto un ruolo di primo piano. 
Curve paraboliche e sorriso killer. Questo l'identikit di Michelle La Rosa, 18 anni di Cesena, la nuova "Miss Patacca Vigliacca" 2017 incoronata mercoledì scorso nell'ormai abituale cornice del Music Bar Tequila Blues di San Mauro Mare, il tempio della bellezza creato dalla famiglia Colombari. 

Studentessa di moda e ballerina di danze classiche e latine, Michelle ha conquistato il pubblico con la sua bellezza genuina, ma anche con un portamento spontaneo e naturale, i requisiti basici per entrare nell'albo d'oro del concorso creato, ormai 12 anni fa, dal vulcanico Betobahia. La bellezza meno ruspante e più raffinata della 18enne ferrarese Beatrice Lambertini, invece, le è valsa la fascia di Miss "La più bella di Romagna". Grande appassionata di palestra, un musetto da cerbiatto e due occhi vispi incorniciati da una chioma castano biondo-acacia, Beatrice ha sfilato in passerella con grande charme, riscuotendo i grandi consensi dell'altra metà del cielo. 

Ma, in questa edizione 2017, la fascia forse più ambita era quella di "Miss avaridinoia", celebre brand della Versilia - creatore delle t-shirt più gettonate dell'estate 2017 - che metteva in palio una vacanza vip a Canazei nel mese di dicembre organizzata dall'Ale Piva Production ed uno shooting fotografico con veri professionisti della moda. Ad aggiudicarsi la corona è stata la 17enne riccionese Virginia Spimi, appassionata di danza classica. Corpo scolpito e viso perfetto, con una vaga somiglianza alla concittadina Martina Colombari, Virginia diventerà il testimonial "avaridinoia" per un anno intero. 

Tra le altre premiate anche Lara Marinozzi di Macerata, Dalila Ceroni di Bologna e Diana Iuliana d Rimini. Menzione speciale, infine, per Sofia Spera, 15enne nuotatrice di Savignano, forse in prospettiva - per misure e personalità - il talento più interessante per un futuro da modella. A presentare la serata - con l'abituale professionalità e simpatia - è stato Franz Collini, mentre "one man show" dello spettacolo, come tradizione impone, è stato Alberto Pazzaglia, al secolo Betobahia, quest'anno autore dal brano di successo "Ti amo" che dà il titolo anche al Cd prodotto e distribuito dalla casa discografica Baccano di Savignano sul Rubicone. 

Nel backstage, responsabile dei casting e gran cerimoniere dell'evento, il direttore artistico Carmelo Tornatore, talent scout con un'esperienza ormai decennale nel mondo dei concorsi, noto sul territorio per aver lanciato numerose miss e modelle. Va dunque in archivio, con il rituale profluvio di selfie e abbracci, anche questa edizione di "La piu Bella di Romagna", la vetrina conosciuta dal pubblico nostrano come "Miss Patacca Vigliacca" che, quest'anno, era valida anche come selezione ufficiale per l'Emilia Romagna del concorso "Miss Principessa d'Europa". Per molte ragazze è stata una serata di spensierato divertimento, per altre potrebbe essere il trampolino per un futuro nello showbiz, dove la Romagna ha sempre avuto un ruolo di primo piano.