Ravenna

Ubriaco abbatte cabina del gas metano, fiamme alte 5 metri (gallery)

Alla guida di una Bmw fa un volo di 50 metri, poi abbandona l'auto. Rintracciato e sanzionato

| Altro
N. Commenti 0

09/ottobre/2017 - h. 19.25

All'una circa della notte scorsa, un’autovettura Bmw Serie 3, mentre percorreva via Ragazzena in direzione monte, verosimilmente a causa della forte velocità, usciva dalla sede stradale e, dopo un volo di 50 metri per i campi, abbatteva la cabina del gas metano all’incrocio con via Viazza. 
La violenta fuoriuscita gas metano ad alta pressione, incendiandosi, originava fiamme alte 5 metri che distruggevano completamente il veicolo. Sul posto i Carabinieri di Cervia e Ravenna per le operazioni di viabilità, 2 squadre dei Vigili del Fuoco di Ravenna per lo spegnimento delle fiamme, nonché operai specializzati per la chiusura delle valvole gas e la messa in sicurezza dei cavi elettrici volanti danneggiati da fiamme. 
Esclusa la presenza vittime, solo tramite il numero di telaio era possibile risalire ad un moldavo, M.M. 39enne operaio stagionale, che, rintracciato al proprio domicilio poco distante da dove è accaduto il fatto, presentava lievi escoriazioni compatibili con il sinistro e risultava positivo all’accertamento etilometrico con 2,39 g/l. Il moldavo è stato deferito in s.l. per “guida in stato di ebrezza” e sanzionato per “comportamento in caso di incidente”.
All'una circa della notte scorsa, un’autovettura Bmw Serie 3, mentre percorreva via Ragazzena in direzione monte, verosimilmente a causa della forte velocità, usciva dalla sede stradale e, dopo un volo di 50 metri per i campi, abbatteva la cabina del gas metano all’incrocio con via Viazza. La violenta fuoriuscita gas metano ad alta pressione, incendiandosi, originava fiamme alte 5 metri che distruggevano completamente il veicolo. 

Sul posto i Carabinieri di Cervia e Ravenna per le operazioni di viabilità, 2 squadre dei Vigili del Fuoco di Ravenna per lo spegnimento delle fiamme, nonché operai specializzati per la chiusura delle valvole gas e la messa in sicurezza dei cavi elettrici volanti danneggiati da fiamme. Esclusa la presenza vittime, solo tramite il numero di telaio era possibile risalire ad un moldavo, M.M. 39enne operaio stagionale, che, rintracciato al proprio domicilio poco distante da dove è accaduto il fatto, presentava lievi escoriazioni compatibili con il sinistro e risultava positivo all’accertamento etilometrico con 2,39 g/l. 

Il moldavo è stato deferito in s.l. per “guida in stato di ebrezza” e sanzionato per “comportamento in caso di incidente”.