cesenatico

Bingo e videopoker infiammano il consiglio comunale

M5S contro l'amministrazione Buda: "fortemente condizionata da vecchie logiche politico-affaristiche"

Il consigliere comunale Alberto Papperini
| Altro
N. Commenti 0

20/febbraio/2012 - h. 11.46

CESENATICO - Sala Bingo e videopoker gettano scompiglio in consiglio comunale. Portata a dibattimendo dal Movimento 5 Stelle, una mozione su una campagna di sensibilizzazione contro la "malattia da gioco d'azzardo", focalizzata sulla denuncia dell'impennata di slot machines presenti sul territorio, ha visto il voto contrario della maggioranza. Intenzioni del governo del Comune di Cesenatico a cui ha fatto tempestiva replica l'esponente dei grillini Alberto Papperini: "Questa maggioranza, ma soprattutto alcuni suoi esponenti di rilievo, che in campagna elettorale hanno esibito "pregnanza di valori" ed una nuova vicinanza nei confronti dei cittadini, non riesce neppure ad esporsi a sostegno di un'iniziativa che, oltre ad allontanare il rischio di infiltrazioni malavitose nel nostro territorio, risponde ad una forte richiesta d'aiuto da parte delle famiglie del Comune, preoccupate nel veder dilagare la piaga "gioco d'azzardo" sin dall'età molto giovane dei loro figli".

"La stessa maggioranza si è espressa negativamente anche riguardo la richiesta di risoluzione del caso "campo sportivo di Sala" - aggiunge Papperini - 50 bimbi e numerosi cittadini, che attendono da diversi anni un campo dove poter fare attività sportiva, senza un reale e concreto impegno dell’Amministrazione comunale rischiano fortemente di dover aspettare ancora parecchio tempo. Infine ci pare difficoltoso proclamare una tanto sbandierata inversione di rotta di questa Amministrazione quando per la seconda volta in 3 mesi viene rigettata la richiesta di stesura del Regolamento per il Referendum comunale, affinché si possa utilizzare questo strumento di democrazia partecipata. Forse la voce dei cittadini fa paura a chi è chiamato ad Amministrare questo Comune? Più che una sensazione fa pensare che l'attuale Amministrazione sia, come la precedente, fortemente condizionata da vecchie logiche politico-affaristiche".