Cesena

Svelata la 'nuova' biblioteca Malatestiana

Sabato 14 dicembre l'inaugurazione della struttura da 6mila metri quadri

Svelata la 'nuova' biblioteca Malatestiana
| Altro
N. Commenti 0

12/dicembre/2013 - h. 17.13

CESENA - Con l’inaugurazione fissata per sabato 14 dicembre arriva al traguardo il progetto di  ampliamento e di riorganizzazione del complesso della  Biblioteca Malatestiana, che porterà ad una profonda innovazione dei servizi bibliotecari (e non solo), aprendo così una nuova stagione dell’istituzione culturale più importante di Cesena. E questa mattina la Biblioteca ha svelato in anteprima il suo nuovo volto nel corso di una conferenza stampa itinerante all’interno dei nuovi locali. I lavori eseguiti sono stati illustrati dall’Assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi, che fra le altre cose ha sottolineato come  oggi biblioteca sia davvero aperta a tutti anche da un punto di vista fisico, perché sono state eliminate le barriere architettoniche che finora hanno ostacolato l’accesso alla parte quattrocentesca, oggi finalmente raggiungibile anche in sedia a rotelle.

L'inaugurazione
Dopo anni di lavoro, la nuova ala della Malatestiana è pronta e la città celebra questo evento sabato 14 dicembre, con un’intera giornata festa. Si comincia alle 9.45 e si conclude alle 21. (CLICCA QUI per il programma completo)

Il recupero degli spazi
Grazie all’intervento di recupero dell’edificio che dal 1861 fino al 2006 ha ospitato il Liceo classico “Vincenzo Monti”, la ‘nuova Malatestiana’ ha aumentato considerevolmente lo spazio a sua disposizione, passando dai precedenti 3800 mq (compresi i quasi 1000 mq della parte monumentale) agli attuali 6000 mq. di superficie utile. I primi passi del progetto sono stati mossi nel 2002, è articolato in due lotti. Oltre al recupero dell’edificio, molta attenzione è stata dedicata alla parte impiantistica, con il ricorso a dispositivi all’avanguardia. Il controllo e la gestione di luci, riscaldamento, ecc. sono computerizzati; i principali locali sono climatizzati, e la nuova ala è stata interamente cablata per poter dialogare al meglio con le nuove tecnologie: fra i servizi messi a disposizione anche il wifi gratuito.  L’importo complessivo del 1° e 2° lotto ammonta a 8 milioni e 400mila euro. Di questi, 723mila euro sono stati finanziati dalla Regione, mentre 1 milione e 174mila euro è atteso dal Ministero dei Beni Culturali, sulla base di un accordo di Programma (già erogati 170mila euro).
 
Il nuovo allestimento
Ad accogliere gli utenti, appena varcata la soglia della nuova ala, sulla destra si trova la saletta predisposta per la lettura dei quotidiani e dei periodici, con adiacente lo spazio destinato ad accogliere, in prospettiva, una piccola caffetteria. Sulla sinistra, invece, lo spazio dedicato alla mediateca: qui sono confluiti tutti i dvd del San Biagio e della Malatestiana, con un’offerta di circa 8000 titoli. Disponibili anche postazioni informatiche per la loro visione sul posto. Presente anche una selezione di volumi dedicati al cinema, alla musica, alle graphic novel.
Superato l’atrio si trova il banco di accoglienza e le postazioni automatizzate per l’autoprestito, grazie alle quali, ai lettori basterà far passare la propria tessera insieme al libro che intendono portare a casa, per registrare il prestito.
Il cuore della nuova ala è rappresentato dalla ‘piazzetta delle idee’, ricavata nello spazio dell’ex palestra del Liceo. Allestita con sedute e postazioni internet (ci saranno anche Wellness Ball, le sedute attive donate da Technogym che permettono alle persone di restare in movimento anche mentre sono sedute), la ‘piazzetta’ mette a disposizione dei lettori circa 10mila volumi di recente pubblicazione, sistemati a scaffale aperto.  Una rilevante novità è rappresentata dal fatto che i libri sono ordinati per genere: gialli, fantascienza, passioni, cucina, tempo libero…
Da sottolineare che altri 50mila volumi di lettura e consultazione sono disponibili - sempre a scaffale aperto,  ma collocati secondo la Classificazione Dewey  -  nella vecchia ala.
Sempre al piano terreno si sviluppa la sezione ‘Ragazzi’, articolata in quattro locali fra salette e spazi polivalenti, che mette a disposizione circa 5000 libri a scaffale aperto, organizzati per fasce di età.
Nel piano interrato è stato costruito ex novo un locale di circa 400 mq destinato a deposito librario.
Al primo piano l’Aula Magna, con 80 posti a sedere, destinata a diventare sede deputata per incontri e attività culturali. Sul retro di  questo spazio è collocata la saletta in cui è stata trasferita la sezione dedicata alla storia locale.
Infine all’ultimo piano si trovano tre sale di studio, in grado di ospitare circa 100 utenti. La più grande, caratterizzata da ampie finestre su entrambe i lati, si estende su una superficie di circa 198 mq., con una sessantina di postazioni, mentre le altre due accolgono complessivamente una quarantina di posti. Queste 100 postazioni si affiancano alle altre 100 rimaste disponibili nella vecchia ala e in questo modo raddoppiano gli spazi dedicati allo studio e alla consultazione.
I tre piani sono collegati fra loro anche con un ascensore, grazie al quale le persone con problemi di deambulazione e chi si sposta in carrozzina avranno la possibilità di raggiungere senza problemi anche la parte storica. Al primo piano, infatti, è stato realizzato un passaggio che mette in collegamento le due ali.  Il percorso è stato già sperimentato da un rappresentante del Tavolo delle Disabilità che lo ha promosso a pieni voti.

I volumi custoditi in Biblioteca sono circa 300.000, tra cui 287 incunaboli, circa 4000 cinquecentine, 1753 manoscritti e oltre 17.000 lettere e autografi. La parte storica comprende, oltre al corpus malatestiano con i 341 codici manoscritti dei secoli IX-XV e 48 volumi a stampa dei secoli XV-XVIII, vari fondi, fra cui spiccnoa la Biblioteca Piana, l’Archivio capitolare della Cattedrale di Cesena, l’archivio letterario di Renato Serra, la Biblioteca Comandini: oltre 14.000 volumi, 13.000 opuscoli, 4000 stampe, 1800 fotografie, 4000 cartoline, 1600 periodici, 1193 annate di 397 quotidiani, nonché centinaia di medaglie, monete, dsegni, manoscritti e cimeli vari.
Per quanto riguarda la parte moderna, i volumi ad accesso diretto sono oltre 60.000, mentre la sezione Ragazzi comprende oltre 26.000 volumi catalogati in SBN.
A completare questo patrimonio oltre 200 periodici correnti, 50.000 volumi nel deposito, 6.000 opuscoli e un imponente numero di periodici cessati.
Al 31 dicembre 2012 la Biblioteca di Cesena contava 29.810 iscritti al prestito (adulti e ragazzi), con 2078 nuovi iscritti nel corso dell’ultimo anno. Quasi 100.000 i prestiti effettuati, di cui oltre 51mila nella sezione adulti e oltre 48mila per la Biblioteca Ragazzi.