Ravenna

Ravegnana chiusa: la riapertura pare ancora lontana

Il punto in prefettura. La procura assicura il completo dissequestro dell'area a breve, tavolo tecnico in Comune per le soluzioni.

Ravegnana chiusa: la riapertura pare ancora lontana

La Ravegnana

| Altro
N. Commenti 0

29/ottobre/2018 - h. 20.37

RAVENNA -  La riapertura della Statale 67 Ravegnanae la ripresa del normale traffico veicolare lungo questa importante arteria statale, hanno costituito nuovamente oggetto dell’incontro tenutosi in Prefettura lunedì 29 ottobre.  Le criticità dovute al parziale crollo della chiusa di San Bartolo sul fiume Ronco, sono stati esaminate alla presenza, tra gli altri,  dell’assessore regionale Paola Gazzolo. Il prefetto  Enrico Caterino, in apertura di riunione, ha invitato tutti gli enti a trovare il più rapidamente possibile una soluzione condivisa per la riapertura della strada, previa la prioritaria effettuazione di tutte le verifiche e gli adempimenti necessari per garantire la piena sicurezza dell’area e dei relativi interventi di ripristino.

Il procuratore della Repubblica,Alessandro Mancini, che è intervenuto all’incontro, ha evidenziato che l’Autorità Giudiziaria  sta effettuando gli adempimenti di competenza  con la massima celerità e che, a breve, verrà disposto il dissequestro dell’area. Prefetto e sindaco si sono rivolti agli uffici coinvolti per trovare la soluzione tecnica che, fermo restando le esigenze di sicurezza, ripristini  nel più breve tempo possibile l’ordinaria circolazione. Dopo un attento esame delle varie ipotesi di soluzione, si è deciso di istituire un travolo tecnico presso il Comune di Ravenna, al quale parteciperanno i rappresentanti degli enti direttamente coinvolti nei lavori, per il monitoraggio degli interventi programmati.

Per quanto concerne la viabilità e la regolamentazione della circolazione nel periodo di interdizione della SS67, verranno organizzati specifici incontri presso il Comando della Polizia Municipale di Ravenna, per l’individuazione di tutte le misure alternative per attenuare il disagio degli utenti.