Rimini

Ultima giornata per il Santarcangelo Festival con “Bermudas Forever” e “Cosmesi fa un roof concert”

Ultima giornata per il Santarcangelo Festival con “Bermudas Forever” e “Cosmesi fa un roof concert”
| Altro
N. Commenti 0

13/luglio/2019 - h. 13.09

RIMINI - Dopo 9 giorni di spettacoli senza sosta, Santarcangelo Festival 2019 arriva all’ultima giornata di programmazione domani, domenica 14 luglio. Al centro del calendario di domenica, dopo la performance Bermudas di sabato, mk torna sul palco dello Sferisterio alle ore 20.00 con il progetto a ingresso libero concepito per questa 49esima edizione, Bermudas Forever.

Il coreografo Michele Di Stefano e i suoi performer dilatano l’azione coreografica e aprono al pubblico il proprio intervento accogliendo in scena chiunque desideri provare a entrare con loro nel vortice di corpo. Il sistema coreografico si dilata in un loop ipnotico e il pubblico è invitato a restare nella turbolenza generata dai danzatori, contribuendo a implementarla. «Bermudas mira a generare un ambiente per un continuo scambio di intenzioni e dinamiche. Ho sempre immaginato che dovesse essere sperimentato in un arco di tempo continuativo, una festa in cui il momento dell’incontro continua ad accadere. Lo schema che consente di avvicinarsi alla performance consiste di quattro movimenti, tutto il resto è percezione, desiderio e fiducia nel corpo» spiega Michele di Stefano..

Altra novità della serata, alle ore 21.30 presso il Centro Anziani Franchini, è il disorientate progetto di Cosmesi (Eva Geatti, Nicola Toffolini e Marcello Batelli): un appuntamento musicale in cui nulla  è quello che sembra. O forse si. Cosmesi fa un roof concert è un concerto sul terrazzo, ma è anche un esperimento composto da 8 canzoni pop, eseguite, scritte e cantate da artisti che non hanno mai suonato uno strumento. I brani sono incisi in un vinile distribuito da una vera etichetta discografica, Sangue Disken. La performance live è il tentativo di portare a termine tutti i pezzi del disco e si nutre della difficoltà dei performer di non saper suonare i loro stessi pezzi. Una performance incongruente, che si nutre di inciampi, buchi, silenzi; una miscela impossibile in cui si sovrappongono due mondi, in cui ci si ritrova a reggere la parte dell’impostore e ignorare il limite, a fare finta.

Ultime repliche per First Love di Marco D’Agostin (Teatro Lavatoio, ore 18.00), spettacolo che combina la danza contemporanea con lo sci di fondo, esplorando la relazione di D’Agostin con il suo mito, la campionessa olimpica Stefania Belmondo; Lighter Than Woman di Kristina Norman (Teatrino della Collegiata, ore 20.30), video/performance dedicata alla vita di alcune badanti provenienti dall’Europa Orientale; Debriefing Session: Santarcangelo Festival di Public Movement (ore 11-13 e 17.30-23, in italiano presso Biblioteca Baldini e Musas, in inglese presso Rocca Malatestiana), dialogo intimo per uno spettatore alla volta dedicato alle opere d’arte palestinesi. Giungono al termine le esperienze di deprivazione sensoriale nella vasca ideata da Macao (The Floaters, Supercinema, ore 11-13 e 15-23), le video-installazioni Guilty Landscapes dell’olandese Studio Dries Verhoeven (Spazio Saigi, ore 16-24) e The Crime of Rescue – The Iuventa Case del collettivo Forensic Oceanography (Piazza Ganganelli, ore 18-23, ingresso libero), oltre al progetto Azdora’s Temple: greetings to Eva Britt Niemi presso la cappella allestita nella Scuola Elementare Pascucci (ore 18-22, ingresso libero).

Il Festival si conclude con due appuntamenti musicali a ingresso libero. Alle ore 22.30 in Piazza delle Monache l’arcaica, precristiana ma ancora vivissima tradizione canora della Bielorussia sarà trasmessa “a cappella” dall’etnografa musicale e cantante Irena Kotvitskaya, erede di una magia femminile antica, e potente. Da mezzanotte, appuntamento esclusivo di Imbosco, nel tendone da circo nascosto tra gli alberi, ai piedi del Parco Cappuccini, con il dj set di Silvia Calderoni, in cui corpi e musica si fondono in un mash-up di electropunk, 80’s, new wave e trash, con interventi di R.Y.F.

Numerosi anche gli appuntamenti non performativi: dalle ore 19.00 alle 24.00 in Piazza Ganganelli gli Artigiani del Corpo e della Mente portano i loro servizi dedicati alla cura e al benessere, mentre nelle stesse ore Piazza Marini ospita il mercatino vintage “Garage Sale”. La rassegna di cinema sotto le stelle giunge al termine con un classico del musical americano: Hair, film del 1979 diretto da Miloš Forman, basato sull’omonimo spettacolo teatrale di Broadway (Piazza Ganganelli, ore 21.30, ingresso libero).

 

BIGLIETTERIA

Biglietti da 4 € a 20 €; abbonamento a 4 spettacoli, 40 €, a 10 spettacoli, 90 € / Per lo spettacolo presso la Piscina di San Marino: biglietto Early Dragon, dal 30/05 al 15/06, 6 €; i biglietti sono in vendita online sul sito www.santarcangelofestival.com e presso la biglietteria in Piazza Ganganelli.

INFO: www.santarcangelofestival.com