Ravenna

La tradizione delle Caterine, nata dall'amore tra una sarta e un pasticciere

Il 25 novembre i biscotti a forma di bambolina e galletti vengono regalati. Dietro la tradizione, la storia leggendaria di un amore tormentato

La tradizione delle Caterine, nata dall'amore tra una sarta e un pasticciere
| Altro
N. Commenti 0

24/novembre/2019 - h. 15.38

RAVENNA - Il 25 novembre per i ravennati è il giorno in cui si regalano le "caterine". Si tratta di una tradizione culinaria che vede per la giornata di Santa Caterina - il 25 novembre appunto - la preparazione di biscotti farciti a forma di un bambolotto, la Caterina, e di galletti. Tutto nasce da una storia d'amore, quello di una sarta e di un pasticciere: si dice che la famiglia della ragazza fosse contraria alla loro relazione e che impedisse che i due potessero frequentarsi. Il giovane realizzò così un biscotto a forma di Caterina e glielo fece recapitare come pegno d'amore. Si dice che da qui sia nata la tradizione che vede forni e pasticcieri a Ravenna, come omaggio alle donne, realizzare i biscotti a forma di Caterina. La tradizione si è poi evoluta e vuole il galletto regalato ai bimbi, le bamboline alle bimbe.  Sono biscotti ricoperti solitamente di ciccolata e rifiniti con decorazioni di zucchero colorato e altri confetti, con stile, decorazioni e dimensioni che variano da forno a forno, da famiglia a famiglia.