Cesena

Insulti e pugni all'arbitro

Partita nervosa: dopo Fiorenzuola-Basket Club Russi, direttore di gara costretto al ricovero al Bufalini

Insulti e pugni all'arbitro
| Altro
N. Commenti 0

12/aprile/2015 - h. 09.02

CESENA - Cori razzisti e atti violenti sono andati in scena venerdì sera al PalaIppo di Cesena durante e al termine della partita di pallacanestro tra Fiorenzuola Cesena e Basket Club Russi, incontro degli ottavi di finale play off del campionato di Promozione, vinto a sorpresa dagli ospiti 63-48. Nel corso della partita i tifosi di casa hanno insultato a lungo con epiteti razzisti uno dei due arbitri di origine serba, ma da sempre residente a Cesena, facendo alzare la tensione anche sugli spalti dopo che in campo i cesenati avevano mostrato molto nervosismo vedendosi espellere l’allenatore per un doppio fallo tecnico per proteste e un giocatore per raggiunto limite di falli.

Un clima teso c’è stato anche a partita finita negli spogliatoi e soprattutto nel parcheggio del PalaIppo dove poco dopo la mezzanotte il giovane arbitro 24enne è stato colpito al volto con alcuni pugni da un giocatore del Fiorenzuola con cui aveva avuto un diverbio durante il match. A separarli sono stati alcuni giocatori e dirigenti cesenati presenti alla scena. Il “fischietto” è stato poi portato al Bufalini dall’altro arbitro dove è stato medicato e ha ricevuto una prognosi di sette giorni. Sul posto non sono intervenute le forze dell’ordine e l’arbitro non ha ancora deciso se presentare denuncia. Nei prossimi giorni sono attesi provvedimenti pesanti nei confronti dell’aggressore e della società cesenate.

Solidarietà all’arbitro è arrivata anche da Stefano Tedeschi, presidente del Comitato Regionale Emilia Romagna della Federazione Italia Pallacanestro, che ha stigmatizzato il gesto, augurandosi che questo episodio sia soltanto un caso isolato, dal momento che stanno iniziando le fasi finali di tutti i campionati seniores e giovanili.

(l.d.f.)