Cesena

Via libera al progetto del parco urbano Novello

Approvato in via definitiva il piano del primo lotto per un importo complessivo di due milioni

Via libera al progetto del parco urbano Novello

Parco urbano Novello

| Altro
N. Commenti 0

11/agosto/2016 - h. 02.17

Importante passo in avanti per la realizzazione del parco urbano Novello: è stato appena approvato dall’Amministrazione comunale il progetto definitivo del 1° lotto, per un importo complessivo di 2 milioni di euro. La somma sarà interamente coperta da un finanziamento regionale, sulla base del protocollo d’intesa fra Regione Emilia – Romagna e Comune di Cesena siglato nell’autunno dello scorso anno. “Grazie a questo finanziamento – ricordano gli amministratori - il Comune di Cesena ha potuto assumere su di sé il costo della realizzazione del parco e in questo modo contribuire ad abbassare i costi degli alloggi previsti nel futuro quartiere Novello.
Si è trattato di una scelta coerente con l’impostazione strategica del comparto. Infatti, si è deciso di destinare all’housing sociale l’intera quota residenziale prevista nel nuovo quartiere e sollevando il lottizzante di questo
costo è stato possibile prevedere la riduzione del 10% di tutti i canoni e su parte delle vendite degli alloggi”. Il Fondo Novello ha a disposizione risorse per oltre 53 milioni di euro per sviluppare un intervento per 342 nuovi alloggi di social housing. Questo primo lotto si riferisce alla porzione centrale del parco (quella a levante, fino all’area Montefiore è già stata realizzata, quella a ponente sarà realizzata nell’ambito del comparto 1° del Pru). Più precisamente, il lotto di intervento, con una superficie complessiva di circa 35mila mq, è quello a ridosso di via Montecatini e a sud confina con via Perticara, mentre a nord raggiunge l’area retrostante la chiesa di S. Pio X alle Vigne.
Allo stato attuale l’area si presenta sostanzialmente libera da funzioni, alberature o altri elementi, ed è caratterizzata soprattutto dai flussi di uscita dal sottopasso della stazione e dagli orti presenti sul retro delle abitazioni. A partire da questi aspetti si è configurato un disegno del verde e degli spazi aperti che mira ad integrare il nuovo parco con le situazioni di contorno. Elemento caratterizzante dell’intervento è il sistema di attraversamento ciclopedonale, con il quale si intende favorire l’accessibilità a tutte le aree di trasformazione e, al contempo, creare un percorso urbano e naturalistico che si ponga in continuità con la città e il territorio.
Importante passo in avanti per la realizzazione del parco urbano Novello: è stato appena approvato dall’Amministrazione comunale il progetto definitivo del 1° lotto, per un importo complessivo di 2 milioni di euro. La somma sarà interamente coperta da un finanziamento regionale, sulla base del protocollo d’intesa fra Regione Emilia – Romagna e Comune di Cesena siglato nell’autunno dello scorso anno. “Grazie a questo finanziamento – ricordano gli amministratori - il Comune di Cesena ha potuto assumere su di sé il costo della realizzazione del parco e in questo modo contribuire ad abbassare i costi degli alloggi previsti nel futuro quartiere Novello. 

Si è trattato di una scelta coerente con l’impostazione strategica del comparto. Infatti, si è deciso di destinare all’housing sociale l’intera quota residenziale prevista nel nuovo quartiere e sollevando il lottizzante di questocosto è stato possibile prevedere la riduzione del 10% di tutti i canoni e su parte delle vendite degli alloggi”. Il Fondo Novello ha a disposizione risorse per oltre 53 milioni di euro per sviluppare un intervento per 342 nuovi alloggi di social housing. Questo primo lotto si riferisce alla porzione centrale del parco (quella a levante, fino all’area Montefiore è già stata realizzata, quella a ponente sarà realizzata nell’ambito del comparto 1° del Pru). Più precisamente, il lotto di intervento, con una superficie complessiva di circa 35mila mq, è quello a ridosso di via Montecatini e a sud confina con via Perticara, mentre a nord raggiunge l’area retrostante la chiesa di S. Pio X alle Vigne.

Allo stato attuale l’area si presenta sostanzialmente libera da funzioni, alberature o altri elementi, ed è caratterizzata soprattutto dai flussi di uscita dal sottopasso della stazione e dagli orti presenti sul retro delle abitazioni. A partire da questi aspetti si è configurato un disegno del verde e degli spazi aperti che mira ad integrare il nuovo parco con le situazioni di contorno. Elemento caratterizzante dell’intervento è il sistema di attraversamento ciclopedonale, con il quale si intende favorire l’accessibilità a tutte le aree di trasformazione e, al contempo, creare un percorso urbano e naturalistico che si ponga in continuità con la città e il territorio.