Cesena

Trecento studenti sui banchi al freddo

Al ‘Versari’ a causa dell’impianto di riscaldamento in tilt. Dopo la protesta tornano tutti a casa

Trecento studenti sui banchi al freddo

Istituto 'Versari'

| Altro
N. Commenti 0

10/gennaio/2017 - h. 18.52

Avvio dell’anno scolastico 2017 a singhiozzo e al freddo per circa trecento studenti dell’Istituto superiore ‘Versari’ in piazzale Macrelli. Già sabato l’impianto di riscaldamento era andato in tilt e ieri mattina c’è stata la replica, tanto che la colonnina della temperatura segnava ancora una decina di gradi appena. Difficile con il freddo garantire il normale svolgimento delle lezioni, per ragazzi e buona parte degli insegnanti. La dirigenza scolastica dell’Istituto professionale di Stato ha consentito quindi l’uscita senza penalizzarla sul registro giustificandola come assenza. 
Alla fine sono stati quasi tutti - 300 su 320 - gli studenti del ‘Versari’ che hanno abbandonato le 14 aule e sono tornati a casa accompagnati dai rispettivi genitori. La decisione di rinunciare alle lezioni a causa del freddo
pungente, è stata presa dopo una mini-protesta avviata dagli stessi studenti, che avevano minacciato un’uscita in massa, intento stoppato dalla dirigenza
vista soprattutto la minore età di molti ragazzi. Avvisati i genitori, si è poi acconsentita l’uscita per quasi tutti gli alunni.
La scuola era aperta per pochi studenti anche sabato scorso, e la soluzione adottata contro quei pochi gradi sopra lo zero, è stata quella di spostarli nella sede principale del “Macrelli”, di fronte allo stadio. L’impianto ieri in tarda mattinata pare sia stato sbloccato e questa mattina, salvo ulteriori complicazioni, le aule del ‘Versari’ dovrebbero essere ritornate alle calde temperature di sempre.
Avvio dell’anno scolastico 2017 a singhiozzo e al freddo per circa trecento studenti dell’Istituto superiore ‘Versari’ in piazzale Macrelli. Già sabato l’impianto di riscaldamento era andato in tilt e ieri mattina c’è stata la replica, tanto che la colonnina della temperatura segnava ancora una decina di gradi appena. Difficile con il freddo garantire il normale svolgimento delle lezioni, per ragazzi e buona parte degli insegnanti. La dirigenza scolastica dell’Istituto professionale di Stato ha consentito quindi l’uscita senza penalizzarla sul registro giustificandola come assenza. 

Alla fine sono stati quasi tutti - 300 su 320 - gli studenti del ‘Versari’ che hanno abbandonato le 14 aule e sono tornati a casa accompagnati dai rispettivi genitori. La decisione di rinunciare alle lezioni a causa del freddo pungente, è stata presa dopo una mini-protesta avviata dagli stessi studenti, che avevano minacciato un’uscita in massa, intento stoppato dalla dirigenza vista soprattutto la minore età di molti ragazzi. Avvisati i genitori, si è poi acconsentita l’uscita per quasi tutti gli alunni.

La scuola era aperta per pochi studenti anche sabato scorso, e la soluzione adottata contro quei pochi gradi sopra lo zero, è stata quella di spostarli nella sede principale del “Macrelli”, di fronte allo stadio. L’impianto ieri in tarda mattinata pare sia stato sbloccato e questa mattina, salvo ulteriori complicazioni, le aule del ‘Versari’ dovrebbero essere ritornate alle calde temperature di sempre.