Savignano

Fabbrica di droga nascosta in cameretta

Arrestato 21enne. All’insaputa dei genitori in casa aveva un laboratorio di produzione di marijuana

Fabbrica di droga nascosta in cameretta
| Altro
N. Commenti 0

09/febbraio/2017 - h. 11.53

Aveva messo in piedi una piccola fabbrica della droga. Tra la cameretta e il garage, nascondeva infatti 2,6 chili di marijuana. Questo il quantitativo scoperto e sequestrato a Savignano dai carabinieri della compagnia di Cesenatico guidati dal capitano Francesco Esposito coadiuvato dal
comandante del nucleo radiomobile sottotenente Marco Alessandrelli, dopo una continua sorveglianza di più giorni del savignanese. Un giovane che, confidando nella sua fedina penale pulita e quindi nella sua insospettabile
condizione di disoccupato che viveva con i genitori, a loro insaputa, aveva
pensato probabilmente di guadagnare denaro attraverso la produzione e vendita della ‘maria’.
A mettere fine all’illecito laboratorio artigianale, ci hanno pensato gli uomini dell’Arma, con il blitz nella sua abitazione eseguito il 26 gennaio scorso dopo un’attività di sorveglianza coordinata dal pubblico ministero Federica Messina.
Nel garage e nella sua cameretta i militari hanno rinvenuto cinque buste termosaldate di marijuana dal peso di circa mezzo chilogrammo ciascuna, del valore di circa 13mila euro. Quattro di queste eranopronte per essere messe sul mercato, mentre l’ultima, trovata in camera in prossimità del letto, aveva le foglie ancora in via di essiccazione e probabilmente da poco tagliate da una pianticella. Insomma, una vera e propria serra ‘fai da te’.
Non solo: all’interno del garage c’era anche un armadio dal quale uscivano dei tubi rivestiti di alluminio, con alcune lampade collocate in cima. Per gli uomini dell’Arma si tratta di un oggetto utilizzato dal ragazzo per riscaldare il
piccolo spazio interno e favorire l’essiccazione delle foglie di cannabis. Nel blitz dei carabinieri eseguito nell’abitazione sono stati rinvenuti anche una bilancia di precisione e due barattoli contenenti altri 90 grammi di marijuana. Il giovane, sorpreso sul fatto, non ha potuto fare altro che assumersi la responsabilità dichiarando di esserne lui il proprietario. Nello stesso tempo, ha precisato di aver messo in piedi tutto all’insaputa dei genitori. Il savignanese è stato arrestato. Il gip della Procura della Repubblica di Forlì Monica Galassi ha disposto gli arresti domiciliari per il ragazzo.
Aveva messo in piedi una piccola fabbrica della droga. Tra la cameretta e il garage, nascondeva infatti 2,6 chili di marijuana. Questo il quantitativo scoperto e sequestrato a Savignano dai carabinieri della compagnia di Cesenatico guidati dal capitano Francesco Esposito coadiuvato dalcomandante del nucleo radiomobile sottotenente Marco Alessandrelli, dopo una continua sorveglianza di più giorni del savignanese. Un giovane che, confidando nella sua fedina penale pulita e quindi nella sua insospettabile condizione di disoccupato che viveva con i genitori, a loro insaputa, avevapensato probabilmente di guadagnare denaro attraverso la produzione e vendita della ‘maria’.

A mettere fine all’illecito laboratorio artigianale, ci hanno pensato gli uomini dell’Arma, con il blitz nella sua abitazione eseguito il 26 gennaio scorso dopo un’attività di sorveglianza coordinata dal pubblico ministero Federica Messina. Nel garage e nella sua cameretta i militari hanno rinvenuto cinque buste termosaldate di marijuana dal peso di circa mezzo chilogrammo ciascuna, del valore di circa 13mila euro. Quattro di queste erano pronte per essere messe sul mercato, mentre l’ultima, trovata in camera in prossimità del letto, aveva le foglie ancora in via di essiccazione e probabilmente da poco tagliate da una pianticella. Insomma, una vera e propria serra ‘fai da te’.

Non solo: all’interno del garage c’era anche un armadio dal quale uscivano dei tubi rivestiti di alluminio, con alcune lampade collocate in cima. Per gli uomini dell’Arma si tratta di un oggetto utilizzato dal ragazzo per riscaldare ilpiccolo spazio interno e favorire l’essiccazione delle foglie di cannabis. Nel blitz dei carabinieri eseguito nell’abitazione sono stati rinvenuti anche una bilancia di precisione e due barattoli contenenti altri 90 grammi di marijuana. Il giovane, sorpreso sul fatto, non ha potuto fare altro che assumersi la responsabilità dichiarando di esserne lui il proprietario. Nello stesso tempo, ha precisato di aver messo in piedi tutto all’insaputa dei genitori. Il savignanese è stato arrestato. Il gip della Procura della Repubblica di Forlì Monica Galassi ha disposto gli arresti domiciliari per il ragazzo.