Fiere

Successo per l’asta delle azioni di Cesena Fiera

13 partecipanti per un’offerta economica di oltre 1 milione e 700mila euro. A Italian Exibition Group il 20% del capitale sociale

Successo per l’asta delle azioni di Cesena Fiera
| Altro
N. Commenti 0

18/marzo/2017 - h. 17.11

Molto positivo il risultato dell’asta per la cessione del pacchetto di 1 milione e 200mila azioni di Cesena Fiera messo in vendita da Comune di Cesena (1 milione e 95.675 azioni), Comune di Longiano (1.034 azioni) e Provincia di Forlì – Cesena (103.291 azioni).
 
Tredici le offerte presentate, per una richiesta totale di 1.060.000 azioni. Da un punto di vista economico, la somma offerta complessivamente ammonta a 1 milione e 710mila euro, con un  incremento di 14mila euro rispetto alla base d’asta che, fissando un prezzo di 1,6 euro per azione, avrebbe portato a un incasso di 1 milione e  696.000 euro.
A darne notizia, all’indomani della seduta per la valutazione delle offerte (svoltasi venerdì 17 marzo nel Palazzo Comunale di Cesena), il Sindaco Paolo Lucchi e il Vicesindaco Carlo Battistini, con una lettera appena inviata ai Consiglieri comunali.
Fra i partecipanti all’asta – tutti ammessi – ci sono associazioni, istituti di credito, imprese. Fra essi spicca Italian Exibition Group (società che fa riferimento a Fiera Rimini) che, come previsto dal bando, si è candidata per l’aggiudicazione del blocco di 400.000 azioni, pari al 20% del capitale sociale, collegata non solo all’offerta economica, ma anche a un progetto di sviluppo del piano industriale di Cesena Fiera. Le altre imprese ed associazioni partecipanti all’asta sono state: Alimos soc. coop.; Best Union Company Spa.; Blu Nautilus S.r.l.; BPER Banca Spa; Cermac; Cna Forlì-Cesena; Confindustria Forlì-Cesena; Conip Consorzio; Credito Cooperativo Romagnolo; Momenti Insieme Group; Pro stand Srl; Viaggi Manuzzi Srl.
L’aggiudicazione definitiva avverrà una volta completati i controlli di legge.
Nella loro comunicazione il Sindaco Lucchi e il Vicesindaco Battistini ricordano anche a quali scopi sarà destinata la rilevante somma che entrerà nelle casse comunali al termine delle procedure di vendita: manutenzione ed alla messa in sicurezza delle scuole comunali,  sistema di videosorveglianza, manutenzioni diffuse.
Molto positivo il risultato dell’asta per la cessione del pacchetto di 1 milione e 200mila azioni di Cesena Fiera messo in vendita da Comune di Cesena (1 milione e 95.675 azioni), Comune di Longiano (1.034 azioni) e Provincia di Forlì – Cesena (103.291 azioni). Tredici le offerte presentate, per una richiesta totale di 1.060.000 azioni. Da un punto di vista economico, la somma offerta complessivamente ammonta a 1 milione e 710mila euro, con un  incremento di 14mila euro rispetto alla base d’asta che, fissando un prezzo di 1,6 euro per azione, avrebbe portato a un incasso di 1 milione e  696.000 euro.

A darne notizia, all’indomani della seduta per la valutazione delle offerte (svoltasi venerdì 17 marzo nel Palazzo Comunale di Cesena), il Sindaco Paolo Lucchi e il Vicesindaco Carlo Battistini, con una lettera appena inviata ai Consiglieri comunali.

Fra i partecipanti all’asta – tutti ammessi – ci sono associazioni, istituti di credito, imprese. Fra essi spicca Italian Exibition Group (società che fa riferimento a Fiera Rimini) che, come previsto dal bando, si è candidata per l’aggiudicazione del blocco di 400.000 azioni, pari al 20% del capitale sociale, collegata non solo all’offerta economica, ma anche a un progetto di sviluppo del piano industriale di Cesena Fiera. Le altre imprese ed associazioni partecipanti all’asta sono state: Alimos soc. coop.; Best Union Company Spa.; Blu Nautilus S.r.l.; BPER Banca Spa; Cermac; Cna Forlì-Cesena; Confindustria Forlì-Cesena; Conip Consorzio; Credito Cooperativo Romagnolo; Momenti Insieme Group; Pro stand Srl; Viaggi Manuzzi Srl.

L’aggiudicazione definitiva avverrà una volta completati i controlli di legge. Nella loro comunicazione il Sindaco Lucchi e il Vicesindaco Battistini ricordano anche a quali scopi sarà destinata la rilevante somma che entrerà nelle casse comunali al termine delle procedure di vendita: manutenzione ed alla messa in sicurezza delle scuole comunali, sistema di videosorveglianza, manutenzioni diffuse.