Romagna

Mercato immobiliare nelle località turistica: la più cara resta Milano Marittima

Nella località ravennate una casa nuova costa 6.500 euro al metro quadro. Segue Riccione e Cesenatico. Rimini a quota 4.000 euro

Mercato immobiliare nelle località turistica: la più cara resta Milano Marittima
| Altro
N. Commenti 0

04/ottobre/2018 - h. 16.13

ROMAGNA - La località balneare romagnola più cara è Milano Marittima, seguita da Riccione e Cesenatico. Questo è il risultato dello studio dell'Osservatorio nazionale immobiliare turistico 2018 della Federazione degli agenti immobiliari, con la collaborazione di Nomisma. Per comprare una casa a Milano Marittima servono 6.500 euro al metro quadro (prezzo massimo). A Rimini si è attorno ai 4.300 euro. 

La top ten rivierasca Al primo posto in regione svetta Milano Marittima con un prezzo massimo di top nuovo di 6.500 euro. Seguono al secondo posto Riccione (5.900 euro) e al terzo posto Cesenatico (5.500 euro). La top ten regionale vede poi al quarto posto Cattolica (4.600 euro), al quinto Rimini (4.300 euro), al sesto Cervia (4.000 euro), al settimo Marina di Ravenna (3.200 euro), all’ottavo Lido di Savio (3.100 euro), al nono Punta Marina Terme e Marina Romea a pari merito (2.900 euro) e al decimo Lido degli Estensi assieme a Lido di Spina a pari merito (2.700 euro).

La tendenza è quella di una leggera crescita delle compravendite di abitazioni nelle località turistiche. Rispetto allo scorso anno, le transazioni registrate a livello complessivo sono aumentate del 3,5%: in particolare, le località marine hanno fatto segnare +4,8%, quelle lacuali +8,0%, mentre quelle montane sono diminuite del -4,3%. Inoltre, le locazioni segnano un +1,1% su base annua, in miglioramento, beneficiando della crescita dei flussi turistici.

Lo studio è stato presentato oggi a Ravenna. Sono intervenuti il  presidente provinciale Confcommercio Paolo Caroli. Sono intervenuti l'assessore al turismo del Comune di Ravenna Giacomo Costantini.  L’intervento di apertura è stato affidato a Luca Dondi dall’Orologio consigliere delegato Nomisma; sono seguiti poi Fabrizio Savorani, esperto del settore immobiliare turistico Fimaa e Ivano Venturini, presidente Coordinamento Provinciale Fimaa

Qui sotto, la tabella con tutti i lidi, da Ferrara a Cattolica. 

 

EMILIA ROMAGNA

 

 

 

 

 

 

 

 

Top nuovi

Centrali usati

Periferici usati

 

Località

Min

Max

Min

Max

Min

Max

FC 

Cesenatico 

3.400 

5.500 

2.400 

3.700 

1.700 

2.700 

FE 

Lido degli Estensi 

1.900 

2.700 

1.600 

2.000 

1.100 

1.500 

FE 

Lido degli Scacchi 

1.500 

2.200 

1.300 

1.500 

900 

1.200 

FE 

Lido delle Nazioni 

1.800 

2.300 

1.300 

1.800 

900 

1.400 

FE 

Lido di Pomposa 

1.700 

2.300 

1.200 

1.400 

900 

1.200 

FE 

Lido di Spina 

1.900 

2.700 

1.600 

2.000 

1.100 

1.400 

FE 

Lido di Volano 

1.100 

1.600 

1.000 

1.300 

800 

1.000 

FE 

Porto Garibaldi 

1.400 

2.400 

1.100 

1.500 

800 

1.300 

RA 

Casalborsetti 

1.700 

2.300 

1.000 

1.400 

800 

1.200 

RA 

Cervia 

2.500 

4.000 

1.800 

2.600 

1.400 

1.700 

RA 

Lido Adriano 

1.500 

2.100 

1.000 

1.400 

700 

1.200 

RA 

Lido di Classe 

1.600 

2.200 

1.100 

1.500 

1.000 

1.300 

RA 

Lido di Dante 

1.400 

2.100 

1.000 

1.300 

700 

1.100 

RA 

Lido di Savio 

2.100 

3.100 

1.400 

2.000 

1.000 

1.400 

RA 

Marina di Ravenna 

2.200 

3.200 

1.600 

2.500 

900 

1.500 

RA 

Marina Romea 

1.900 

2.900 

1.100 

1.800 

800 

1.400 

RA 

Milano Marittima 

3.800 

6.500 

3.000 

4.100 

2.400 

3.600 

RA 

Porto Corsini 

1.500 

2.200 

1.000 

1.600 

700 

1.000 

RA 

Punta Marina 

1.800 

2.900 

1.100 

2.000 

900 

1.400 

RN 

Bellaria 

1.700 

2.500 

1.100 

1.800 

900 

1.200 

RN 

Cattolica 

2.900 

4.600 

1.800 

3.000 

1.300 

1.900 

RN 

Riccione 

2.800 

5.900 

2.200 

3.600 

1.400 

1.900 

RN 

Rimini 

3.200 

4.300 

2.000 

2.800 

1.300 

2.200