Cresce l'attesa per Woodstock

Tutto è pronto al parco dell'Ippodromo per ospitare la due giorni di musica organizzata da Beppe Grillo. Prevista un'invasione di massa proveniente da tutta Italia

Cresce l'attesa per Woodstock
| Altro
N. Commenti 0

24/settembre/2010 - h. 09.22

CESENA - Cresce la febbre in Romagna e in tutta Italia per Woodstock a cinque stelle, evento organizzato da Beppe Grillo che si svolgerà al parco dell'Ippodromo di Cesena in questo fine settimana. Si prevede un'invasione di massa da parte di ragazzi e di appassionati di musica per questa due giorni, come testimoniano anche le prenotazioni arrivate agli albergatori, che ormai da giorni devono deludere le tante persone che telefonano per prenotare una stanza. Dalla piccole pensioni, agli hotel con camere da 200 euro a notte, tutto è esaurito, e dunque vale la pena fare come molti ragazzi che, in perfetto stile Woodstock, si armeranno di tenda canadese per accamparsi vicino al parco dove si svolge l'evento, sfidando le temperature rigide e il maltempo. Neanche il meteo avverso e il pericolo di pioggia ha fermato la voglia di musica delle tante persone che domani arriveranno in Romagna.

Intanto si stanno ultimando gli ultimi preparativi, con il grande palco su cui si esibiranno gli artisti, che è ormai pronto per ospitare il mega concerto. Come ogni evento musicale doc che si rispetti, anche Woodstock avrà il suo inno ufficiale, scritto dal cantautore genovese Francesco Baccini. "Woodstock... Cesena... sono un sogno a occhi aperti - scrive Baccini nell’introduzione della sua canzone - uno sguardo al cielo e alla bellezza della vita. Tutto è possibile. Due giorni per guardare lontano e cambiare il presente. Woodstock è una pietra gentile nello stagno immobile dei deliri del fantasma di una nazione. Woodstock si espanderà in onde circolari e cambierà tutto. Perchè non crederci? Perché non lottare per il nostro futuro? Non abbiamo altro. Non abbiamo scelta".

Questo il programma della manifestazione e gli artisti che si esibiranno a partire dalle 17 di sabato: Francesco Baccini, Samuele Bersani, Charleston - dovrebbero aprire loro alle 17 -, John De Leo, Max Gazzé, Flavio Oreglio, Rudy Rotta, Ivan Segreto, Sud Sound System. Domenica: Paolo Benvegnù, Blastema, Stefano Bollani, Bud Spencer Blues Explosion, Cattive Abitudini, Dente, Fabri Fibra + Marracash, L’Invasione degli omini verdi, Linea 77, Mamasita, Marta Sui Tubi, Leo Pari, Perturbazione, Daniele Silvestri, Supa + DJ Nais, Teatro Degli Orriori, The Niro, Tre Allegri Ragazzi Morti.