Teatro

Cesena rende omaggio al fascino e alla bravura di Sonia Bergamasco

Venerdì al cinema San Biagio, sarà proiettato il suo film più recente “Riccardo va all’inferno” e al termine della proiezione l’attrice incontrerà il pubblico cesenate.

Cesena rende omaggio al fascino e alla bravura di Sonia Bergamasco

Sonia Bergamasco

| Altro
N. Commenti 0

12/aprile/2018 - h. 14.53

Cesena Cinema rende omaggio a Sonia Bergamasco, una delle più versatili attrici del teatro e del cinema italiano, in occasione dell’arrivo al teatro Bonci del suo spettacolo “Pochi avvenimenti, felicità assoluta - Scene da un matrimonio”. Sabato 14 aprile alle 16.00, al cinema San Biagio, sarà proiettato il suo film più recente “Riccardo va all’inferno” e al termine della proiezione l’attrice incontrerà il pubblico cesenate. Diretto da Roberta Torre, “Riccardo va all’inferno” è un musical sui generis, dark e psichedelico, che rivisita in chiave pop il “Riccardo III” di Shakespeare. Nel film Sonia Bergamasco affianca il protagonista Massimo Ranieri, interpretando la potente Regina Madre, grande tessitrice di equilibri perversi. . Ingresso 5 euro. Biglietto ridotto di 3 euro per i possessori del biglietto (o abbonamento) per lo spettacolo teatrale “Pochi avvenimenti, felicità assoluta - Scene da un matrimonio” al Bonci. 
Nata a Milano nel 1966, Bergamasco si diploma in pianoforte al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano e in recitazione alla Scuola del Piccolo Teatro. Debutta con Giorgio Strehler in “Arlecchino servitore di due padroni” e lavora nello spettacolo “Pinocchio” di Carmelo Bene. A teatro, lavora con registi del calibro di Theodoros Terzopoulos, Massimo Castri e Glauco Mari. Nel 2001 debutta al cinema con “L’amore probabilmente” di Giuseppe Bertolucci mentre nel 2004 vince il Nastro d’argento come attrice protagonista in “La meglio gioventù” di Marco Tullio Giordana. Lavora anche con Bernardo Bertolucci, Silvio Soldini , Liliana Cavani. Tra i suoi successi più recenti, il film “Quo vado?” di Gennaro Nunziante e le nuove puntate del Commissario Montalbano, insieme con Luca Zingaretti. Nel 2016 è scelta come madrina della 73° mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia.