Romagna

Tromba d'aria tra Cesena e Faenza: diversi alberi sradicati

Pomeriggio funestato dall'improvviso temporale: tronchi divelti, grandine, pioggia. A Torre del Moro una pianta finisce sul capannone dell’azienda, nel Ravennate cede il tetto di un edificio disabitato

Tromba d'aria tra Cesena e Faenza: diversi alberi sradicati

Albero sradicato a Torre del Moro (foto Poni)

| Altro
N. Commenti 0

25/luglio/2013 - h. 08.51

ROMAGNA - Il tranquillo pomeriggio estivo romagnolo è stato funestato ieri pomeriggio da una tromba d'aria, che ha colpito in particolare Faenza e Cesena, sradicando alberi e facendo crollare due tetti.

A Faenza, dopo una mattinata soleggiata e torrida, senza il benchè minimo preavviso dai meteo nel primo pomeriggio di ieri una tromba d’aria - breve ma intensa - ha sconvolto la città. E’ durata poco ma ha lasciato il segno. Così, mentre una serie impressionante di alberi è stata sradicata dal suolo, se non spaccata a metà tronco dalla violenza della tempesta, in via Nuova è crollato il tetto di uno stabile (fortunatamente disabitato da qualche tempo) con grande paura per i vicini di casa che hanno sentito il rumore sordo dello schianto.

Erano appena trascorse le tre del pomeriggio e il cielo azzurro è diventato grigio cenere mentre all’orizzonte una macchia scura si avvicinava a vista d’occhio, anticipata da enormi goccioloni di pioggia. Nel viale alberato di via Cimatti, la strada che dal Borgo conduce a Santa Lucia, sono precipitati due pioppi alti 20-25 metri, e anche in questo caso fortuna ha voluto che in quel momento non ci fossero automobili in transito. Altre due piante d’alto fusto si sono abbattute in via Trento e in via Donatini; una betulla è precipitata nella circonvallazione ostruendo entrambi i sensi di marcia delle carreggiate. In quel momento pioveva anche a dirotto e il traffico è andato in tilt. Dal cielo è piovuta anche grandine e mentre scriviamo si stanno quantificando i danni per l’agricoltura del faentino.

Come si potrà intuire è stato un pomeriggio campale per i vigili del fuoco di Faenza, intervenuti in decine di luoghi per mettere la situazione in sicurezza; ma le richieste d’aiuto, le decine di rami pericolanti, il cornicione e l’intonaco caduti dal palazzo di corso Mazzini che fa angolo con vicolo Diavoletto, la situazione difficile, tutto ciò ha indotto il comando di Ravenna a inviare rinforzi: due squadre di pompieri sono giunte in supporto, ma anche così il lavoro non è certo mancato fino a sera.

A Cesena è arrivata poco dopo le 16, nel pieno dell’afa che a stento ieri permetteva di respirare. Una tromba d’aria improvvisa si è abbattuta in particolare la località di Torre del Moro dove nella zona artigianale sono stati sradicati diversi alberi. A Martorano una pianta sradicata è finita in strada. Un albero si è invece abbattuto sul tetto dell’Anticendio cesenate di via Longo. La pianta ha colpito la zona riservata agli uffici causando un bel danno. Per il colpo sui muri si sono prodotte alcune crepe, anche se la solidità della costruzione non è stata compromessa. E’ andato inoltre distrutto parte del cornicione e il motore esterno dell’aria condizionata. Difficile, però al momento, quantificare l’ammontare del guasto. Oggi il sopralluogo dei tecnici del Comune, che dovranno tracciare un quadro più chiaro, anche in funzione della copertura assicurativa, visto che la pianta sorgeva sul suolo pubblico.