Ravenna

"Sono un tecnico della Nasa", ma è un narcotrafficante

L'uomo è stato arrestato dalla finanza con oltre 200 grammi di cocaina nascosta tra i cavi dentro una valigia. Era già finito in manette anni fa in Brasile sempre per spaggio

"Sono un tecnico della Nasa", ma è un narcotrafficante
| Altro
N. Commenti 0

24/settembre/2013 - h. 14.20

RAVENNA - Per sfuggire alle manette, ha addirittura riferito ai finanzieri di essere un tecnico della Nasa, e che all'interno del trolley che aveva con sé portava del materiale elettrico. In realtà nascondeva anche più di 200 grammi di cocaina. Per l'uomo, un 50enne di Ravenna, è scattato l'inevitabile arresto.

Tutto è accaduto venerdì scorso, quando la guardia di finanza di Ravenna, durante controlli stradali in prossimità dei caselli autostradali, ha fermato un veicolo con tre uomini a bordo. Non appena il cane antidroga Annie ha messo il muso in auto, ha subito fatto capire che c'era qualcosa di sospetto, così la vettura è stata scortata fino alla caserma di via Galla Placidia per un controllo più approfondito, sia sugli uomini che sui loro bagagli.

Già al casello autostradale di Lugo Cotignola il 50enne ha affermato di essere un collaboratore speciale dell’agenzia spaziale Nasa. E all’interno della sua valigia, i finanzieri hanno sì trovato una gran quantità di materiale elettrico, che l'uomo sosteneva essere strumentazione di elevato interesse scientifico per gli studi sulle sinapsi cerebrali nelle navicelle spaziali. Ma nascosti tra i cavi, al posto di centraline e circuiti elettronici, c'erano 220 grammi di cocaina pura destinata ad essere venduta per un valore di 40mila euro.

Le successive indagini dei finanzieri hanno appurato che il trafficante di droga non arrivava da laboratori spaziali ma era sbarcato a Francoforte con un volo dalla Costarica. Il narcotrafficante, già arrestato alcuni anni fa in Brasile per lo stesso reato, è stato rinchiuso nel carcere di Ravenna a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.