Ravenna

"Cellulare alla guida è la causa del maggior numero di incidenti"

Lo dice la comandante della Polstrada Caterina Luperto che aggiunge: "Interverremmo per porre un freno a questa vera e propria piaga sociale"

"Cellulare alla guida è la causa del maggior numero di incidenti"
| Altro
N. Commenti 0

04/gennaio/2018 - h. 19.57

RAVENNA - Tempo di bilanci per tutti, anche per la Polizia Stradale di Ravenna che si unisce a quello diffuso in mattinata dai colleghi forlivesi.   Con 1.142 pattuglie di vigilanza stradale, la Polizia Stradale di Ravenna unitamente ai dipendenti Distaccamenti Polstrada di Lugo e Faenza, ha accertato 15.300 infrazioni al Codice della Strada. Ritirate 280 patenti di guida e 150 carte di circolazione. Nel corso del 2017 sono stati registrati meno incidenti rispetto al 2016, ma con un maggior numero di sinistri con esito mortale. Questo dato a livello provinciale trova conferma nel dato nazionale certificato da Istat. 
"Nel corso del 2018 - spiega il vicequestore aggiunto Caterina Luperto, dirigente della Sezione Polizia Stradale di Ravenna - il trend del fenomeno infortunistico da un lato ha fatto registrare una lieve diminuzione del numero complessivo degli incidenti, dall’altro ha espresso un aumento relativamente all’incidentalità con conseguenze mortali. L’attività della Sezione Polizia Stradale di Ravenna è stata improntata, e lo sarà anche per il 2018, ad una costante attività di promozione della sicurezza stradale, non solo in chiave repressiva, con l’attività sanzionatoria, ma anche e soprattutto con l’utilizzo di logiche preventive. La prevenzione è il fattore cardine di qualsiasi politica di sicurezza. Nel corso degli anni le campagne di prevenzione contro l’uso di sostanze alcooliche e stupefacenti hanno prodotto i loro effetti. Adesso la principale causa di incidente stradale risulta essere la distrazione, dovuta, nella maggior parte dei casi, all’uso dello smartphone alla guida. Interverremo anche in questa “piaga sociale” dell’utilizzo del cellulare alla guida non solo con campagne repressive e sanzionatorie, ma anche in chiave preventiva, attraverso una capillare attività di sensibilizzazione della collettività”.
I DATI Sono stati effettuati nelle notti dei fine settimana (dalle ore 00,00 alle 06,00 di sabato e domenica) i cosiddetti servizi stragi del sabato sera, al fine di prevenire e reprimere il fenomeno della guida in condizioni di alterazione psico-fisica. Le persone denunciate per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti sono state 30. I sequestri di veicoli sono stati 78 e hanno portato a 48 confische.
Nel corso del 2017, ha continuato a dare forte impulso ai servizi di controllo nel settore del trasporto professionale (svolti anche congiuntamente al personale del Dipartimento Trasporti Terrestri con i Centri Mobili di Revisione). Inoltre, nel corso del 2017, d’intesa con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sono stati attivati controlli d’iniziativa o su segnalazione dell’istituto scolastico mirati al controllo degli autobus destinati al trasporto di scolaresche per gite o viaggi d’istruzione. Nei primi 11 mesi dell’anno sono stati sottoposti a controllo 350 autobus, dei quali 20 hanno evidenziato almeno una irregolarità. 
Dal 1° gennaio al 31 dicembre 2017 ai servizi programmati mensilmente a livello provinciale sono stati affiancati dispositivi specifici pianificati a livello nazionale, secondo il modello delle “Operazioni ad Alto Impatto”, nella misura di circa 4 al mese, su materie particolarmente avvertite dalla sensibilità collettiva. Le “operazioni” in oggetto hanno riguardato: cinture di scurezza e sistemi di ritenuta ( 12 operazioni ); assicurazione obbligatoria ( 7 operazioni );  autotrasporto nazionale ed internazionale di persone ( 6 operazioni ); trasporto di animali vivi ( 5 operazioni ); trasporto di sostanze alimentari ( 5 operazioni );  uso corretto apparati radio e telefoni alla guida di veicoli ( 4 operazioni); stato di efficienza degli pneumatici ( 2 operazioni ). Numerose nel corso del 2017 le campagne di informazione ed educazione stradale promosse.
L’attività investigativa svolta su tutto il territorio provinciale ha portato complessivamente all’arresto di quattro persone e alla denuncia di altre 147. In particolare, l’attività di contrasto dei reati commessi in ambito autostradale ha portato all’arresto di 2 persone per rapine commesse ai danni dei caselli autostrada  “