Rimini

'Mondo Antico' e 'Al Méni': si parla di cibo

Bottura sta in cucina,ma pure in consolle. Piero Meldini specula sulla piadina

'Mondo Antico' e 'Al Méni': si parla di cibo
| Altro
N. Commenti 0

18/giugno/2015 - h. 12.57

RIMINI - Emilia-Romagna: uno dei luoghi d’Italia più ricchi di cibi di qualità, infatti vanta ben 41 prodotti Dop e Igp. Quest’anno potremo sperimentare i gusti inconfondibili di questo mondo a Rimini. Da domani al 21 giugno 2015 torna l’evento “Al Méni” in cui un colorato tendone da circo in Piazzale Fellini si trasformerà in una cucina a vista. 

A impreziosire il programma di questa tre giorni ci sarà Massimo Bottura (chef numero due al mondo nella prestigiosa classifica dei 50 Best Restaurant), che chiama a raccolta 12 grandi chef della Regione che incontreranno 12 giovani chef internazionali e 60 fra i migliori contadini e produttori dell’Emilia Romagna. Il tema protagonista sarà chiaramente il cibo che il pubblico potrà scoprire in un percorso del gusto fra i prodotti esposti da 60 fornitori top dei ristoranti stellati. 

Fra i tanti: il Parmigiano Reggiano, l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, il Culatello di Zibello, il Prosciutto di Parma. Venerdì alle ore 19, e sabato e domenica alle ore 10, 12,30, 16, 18,30 sarà a disposizione un personal shopper Slow Food per chi vorrà farsi guidare alla scoperta dei prodotti e conoscere i produttori e i contadini espositori. Sotto il tendone si darà spazio anche a laboratori per grandi e piccoli con 5 incontri tematici con Slow Food Emilia Romagna. 

Anteprima di questi appuntamenti è l’incontro di Venerdì 19 con lo scrittore e storico del cibo Piero Meldini che parlerà di “piada e piadina, il pane che racconta la storia di Romagna”. Sempre Venerdì, all’opeE ning party, vedremo lo chef Massimo Bottura, in consolle insieme a dj Rame, per festeggiare insieme l’inizio dell’evento. Altro evento a cui non si può mancare, è il pic nic all’aperto organizzato nei giardini del Grand Hotel a cura di Claudio di Bernando, chef dell’hotel che collaborerà con Roberto Rinaldini, maestro di pasticceria, in collaborazione con Massimo Bottura e gli chef di “Al Méni”. 

Il cibo, tuttavia, non verrà solo considerato dal punto di vista puramente gastronomico ma anche culturale. Infatti quest’anno “Al Méni” si intreccia con il Festival del Mondo Antico in cui si declinerà il cibo fra archeologia e storia. Per l’anteprima del Festival (questa sera) è stata organizzata una suggestiva cena, “Ad Mensam”, sul ponte di Tiberio. 

Altro evento da non perdere del Festival del Mondo Antico è quello di sabato 20 giugno in cui Michele Mirabella parlerà con Andrea Segrè intorno al valore e ai valori del cibo tema che il professore Segrè ha trattato nel suo ultimo libro “L’oro nel piatto”. Tutto il programma lo trovate sul sito: antico.comune.rimini.it (per quanto riguarda il Festival del Mondo antico) e www.almeni.it (per quanto riguarda Al Méni). (Demetrio Savoretti)