Cinema

Agli Oscar trionfa la diversità

"La Forma dell'Acqua", "Coco", "Chiamami con il tuo nome": l'Academy premia l'arte e la tolleranza. Miglior attore per Gary Oldman, a Guillermo Del Toro la statuetta come regista

Agli Oscar trionfa la diversità
| Altro
N. Commenti 0

05/marzo/2018 - h. 15.15

Nella serata del 4 marzo si è svolto uno degli eventi cinefili più attesi, l'Academy Award, dove sono stati premiati con l’ambita statuetta dorata i migliori registi, attori e tecnici cinematografici. 

Prima della cerimonia di consegna degli Oscar ha avuto luogo l'attesissimo Red carpet dove gli invitati hanno sfoggiato i loro migliori (o peggiori) outfit. Le donne dopo aver sfilato ai Golden Globe in nero come protesta contro gli abusi, hanno invece fatto trionfare i colori: a catturare l’attenzione sono stati vestiti con sfumature dal rosa pallido al rosa scuro, le tonalità del viola, del rosso e bianco. 

Durante l'arco della serata sono stati tanti i momenti che hanno visto protagonista la sdrammatizzazione: il presentatore Jimmy Kimmel per rompere il ghiaccio ha ironizzato sulla gaffe dell'anno precedente (il più che noto scambio delle buste) e nonostante la sua conduzione non sia stata memorabile è riuscito a trattare dello scandalo mediatico Weinstein senza appesantire i toni. 

Ci sono stati innumerevoli vincitori ma senz'altro quello indiscusso è stato Guillermo del Toro, regista de La forma dell'acqua, che nonostante l'accusa di plagio da parte di David Zindel, è riuscito a portare a casa ben quattro statuette (miglior film, regia, colonna sonora e scenografia). Il film è una fiaba ambientata negli anni ’50 che tratta temi attuali come l'accettazione e il rispetto del diverso. Difatti del Toro ha dedicato il premio ai giovani cineasti affermando che “con il Fantasy si può raccontare la realtà”. 

Guadagnino ha portato onore all’Italia con il film Chiamami col tuo nome, vincitore del premio per la miglior sceneggiatura non originale. Una storia scritta da Aciman che fa comprendere che l'amore è una forza che va oltre le barriere imposte dalla società, che non tratta di omosessualitá ma semplicemente di un sentimento nobile tra due esseri umani. È stato anche premiato James Ivory il quale con una frase semplice ma potente ha fatto capire che l'amore coinvolge tutti gli uomini senza discriminazioni.

Quest’edizione può essere riconosciuta come la cerimonia che ha celebrato la diversità: è stato finalmente creato un film d’animazione in cui anche bambini messicani si sono potuti rispecchiare nel personaggio del cartoon. È stato anche l'anno in cui le vittime di Weinstein hanno usato la voce per parlare chiaro e affermare la volontà di uguaglianza nel mondo del lavoro e non solo. 


CATEGORIA

CANDIDATI

VINCITORE

Miglior film

La forma dell'acqua

L’ora più buia 

Dunkirk 

Il filo nascosto 

Tre manifesti 

Get out

The Post

Chiamami col tuo nome

Lady Bird 


La forma dell’acqua 

Miglior attore

Gary Oldman 

Daniel Day-Lewis 

Timothée Chalamet 

Daniel Kaluuya 

Denzel Washington 

Gary Oldman

Miglior attrice 

Sally Hawkins 

Meryl Streep 

Margot Robbie

Saoirse Ronan 

Frances McDormand 

Frances McDormand

Miglior attore non protagonista 

Sam Rockwell 

Woody Herrelson 

Christopher Plummer

Willem Dafoe 

Richard Jenkins 

Sam Rocwell

Miglior attrice non protagonista 

Allison Janney 

Lesley Manville 

Laurie Metcalf 

Mary J. Blige 

Octavia Spencer 

Allison Janney 

Miglior sceneggiatura non originale 

Chiamami col tuo nome 

Mudbound 

The Disaster Artist 

Molly's Game 

Logan- The Wolverine 

Chiamami col tuo nome 

Miglior regista

Jordan Peele 

Greta Gerwig 

Christopher Nolan 

Paul Thomas Anderson 

Guillermo del Toro 

Guillermo del Toro 

Miglior film straniero 

Corpo e anima

The Square 

L’insulto 

Loveless 

Una donna fantastica 

Una donna fantastica 

Miglior canzone originale 

Mighty River

Stand Up for Something 

Mystery of Love 

Remember Me

This is me 

Remember me 

Miglior colonna sonora 

Star Wars: Gli ultimi Jedi 

Dunkirk 

Il filo nascosto 

La forma dell'acqua 

Tre manifesti 

La forma dell’acqua 

Miglior documentario 

Strong Island 

Abacus 

Last men in Aleppo

Visages, villages 

Icarus 

Icarus 

Miglior film d'animazione 

Loving Vincent 

Il toro Ferdinando 

Baby Boss 

The Breadwinner 

Coco

Coco

Miglior sceneggiatura originale 

Scappa- Get Out

La forma dell'acqua 

Tre manifesti 

The Big Sick 

Lady Bird 

Scappa- Get Out 

Miglior fotografia 

Roger Deakins 

Rachel Morrison 

Bruno Delbonnel 

Hoyte Van Hoytema 

Dan Laustsen 

Roger Deakins 

Miglior cortometraggio d'animazione 

Dear Basketball 

Lou 

Revolting Rhymes 

Negative Space 

Garden Party 

Dear Basketball

Miglior cortometraggio  

Watu Wote: All of us

The Eleven O'Clock 

My Nephew Emmett 

DeKalb Elementary 

The Silent Child 

The Silent Child 

Migliori effetti speciali 

Blade Runner 2049

Star Wars: Gli ultimi Jedi 

Kong: Skull Island 

Guardiani della galassia 

The War: il pianeta delle scimmie 

Blade Runner 2049

Migliori costumi 

Mark Bridges (Il filo nascosto)

Consolata Boyle (Vittoria e Abdul)

Jaqueline Durran (La bella e la bestia, l’ora più buia)

Luis Sequeira (La forma dell’acqua)

Mark Bridges 

Miglior montaggio 

Lee Smith (Dunkirk)

Sidney Wolinsky (La forma dell’acqua)

Jonathan Amos (Baby Driver)

Paul Machliss (Baby Driver )

Jon Gregory (Tre manifesti)

Tatiana S. Riegel (I, Tonya)

Lee Smith 

Miglior sonoro

Dunkirk 

La forma dell'acqua 

Blade Runner 2049

Baby Driver 

Star Wars 

Dunkirk 

Migliore scenografia 

Blade Runner 2049

Dunkirk 

La Bella e la bestia 

L’ora più buia 

La forma dell'acqua 

La forma dell'acqua 

Miglior trucco 

Wonder 

Vittoria e Abdul 

L’ora più buia 

L’ora più buia 

Miglior montaggio sonoro

Star Wars: gli ultimi Jedi 

La forma dell'acqua 

Baby Driver 

Dunkirk 

Blade Runner 2049

Dunkirk

Miglior cortometraggio documentario 

Heroin(e)

Knife Skills 

Traffic Stop 

Edith+Eddie 

Heaven is a traffic jam on the 405

Heaven is a traffic jam on the 405