A sorpresa arriva Porcelain Raft a Ravenna

L'unica data europea annunciata last minute per domenica 14 luglio all'Osteria del Pancotto di Gambellara

A sorpresa arriva Porcelain Raft a Ravenna
| Altro
N. Commenti 0

13/luglio/2019 - h. 13.23

RAVENNA - Unica data europea a sorpresa e annunciata last minute per Porcelain Raft. Un concerto inaspettato quello che domenica 14 luglio alle 21.30 andrà in scena sul palco esterno dell'Osteria del Pancotto di Gambellara.


Porcelain Raft è il progetto di Mauro Remiddi, compositore, creatore di colonne sonore, musicista indie apprezzatissimo. Ha realizzato due album per l’etichetta di culto americana Secretly Canadian. Di origini romane, ha girovagato il mondo per anni trovando poi base a Londra, dove la sua poliedrica attività musicale è culminata nel progetto solista Porcelain Raft. Attualmente è invece di stanza a Los Angeles. Nel 2012 l’album d’esordio “Strange Weekend” si rivela la conferma delle capacità artistiche di Remiddi: dream pop dolcissimo, da un lato quasi ammiccante e danzereccio, dall’altro intenso e struggente, per quello che è stato uno degli album più interessanti dell’anno. E infatti i consensi per Porcelain Raft sono arrivati numerosi sia dalla critica che dai colleghi: Anthony Gonzales l’ha scelto infatti come spalla fissa per il tour europeo dei suoi M83, così come i Blonde Redhead e James Blake. Il secondo album di Porcelain Raft, “Permanent Signal”, esce nel 2013 ancora su Secretly Canadian, con meno elettronica e più piano e archi, meno luce e più profondità, con strutture più complesse e uno spettro compositivo ampliato. La sua musica è stata utilizzata in vari film, come “The Collection” (2012), “Jesse And Celeste Forever” (2012) e l’acclamata serie “Lucifer” (2018). Nel suo lavoro più recente dal titolo In “Callas In Wonderland”, Remiddi ha campionato alcuni secondi della voce di Maria Callas: distorcendola e modificandola, eliminando il significato delle parole, ha voluto trovare il punto cieco in cui il linguaggio finalmente si dissolve, richiamando di nuovo tutto in gioco.