Animali

Cresce il business degli animali domestici

Amare gli animali, genera lavoro: in Lombardia 2.154 gli addetti al settore su 13 mila in Italia

Cresce il business degli animali domestici
| Altro
N. Commenti 0

25/agosto/2016 - h. 18.34

Gli animali da compagnia sono fonte di ricchezza, lo conferma il trend del settore in crescita del 20% negli ultimi 5 anni e del +4% in un anno in Lombardia. Qui sono 538 le attività che si occupano del commercio al dettaglio di piccoli animali domestici, 529 prestano servizi di cura - non veterinari - degli animali da compagnia, 68 le imprese che effettuano servizi veterinari e 13 le imprese che producono mangimi.
Amare gli animali, genera lavoro: in Lombardia 2.154 gli addetti al settore su 13 mila in Italia; di questi 906 a Milano, 207 a Brescia, 178 a Monza e Brianza e 175 a Bergamo. Milano, con 353 imprese, è la prima provincia pet friendly; sensibili alla qualità della vita animale anche Brescia, Varese e Bergamo che
contano rispettivamente 136, 114 e 113 imprese del settore. Cresce il business a Cremona (45 imprese) con 6 imprese in più in un anno, a Mantova (54) se ne registrano 5 in più e Lodi (30) segna +4. 
Emerge da un’elaborazione della Camera di Commercio sui dati del registro
delle imprese al primo trimestre 2016, 2015 e 2011. La cura degli animali
sembra stare a cuore alle donne, titolari di 593 imprese, pari a più di metà del totale. 232 le attività con a capo un giovane; 59 le straniere. Il settore sta crescendo molto in questi ultimi anni: in Lombardia oltre metà delle imprese attive, 584, sono nate dopo il 2010.
In Italia 8.653 le imprese attive del settore: Roma predomina (876), seconda Napoli (507) e terza Torino, ma prima città al nord-ovest (373), davanti a Milano (353). Gli animali piacciono al sud e nelle isole: tra le principali province che trainano il settore ci sono Bari e Palermo con 245 e 206 imprese locali, Salerno e Catania con 187 e 170 imprese. Al centro Firenze vanta 164 imprese.
Gli animali da compagnia sono fonte di ricchezza, lo conferma il trend del settore in crescita del 20% negli ultimi 5 anni e del +4% in un anno in Lombardia. Qui sono 538 le attività che si occupano del commercio al dettaglio di piccoli animali domestici, 529 prestano servizi di cura - non veterinari - degli animali da compagnia, 68 le imprese che effettuano servizi veterinari e 13 le imprese che producono mangimi.

Amare gli animali, genera lavoro: in Lombardia 2.154 gli addetti al settore su 13 mila in Italia; di questi 906 a Milano, 207 a Brescia, 178 a Monza e Brianza e 175 a Bergamo. Milano, con 353 imprese, è la prima provincia pet friendly; sensibili alla qualità della vita animale anche Brescia, Varese e Bergamo checontano rispettivamente 136, 114 e 113 imprese del settore. Cresce il business a Cremona (45 imprese) con 6 imprese in più in un anno, a Mantova (54) se ne registrano 5 in più e Lodi (30) segna +4. 

Emerge da un’elaborazione della Camera di Commercio sui dati del registrodelle imprese al primo trimestre 2016, 2015 e 2011. La cura degli animalisembra stare a cuore alle donne, titolari di 593 imprese, pari a più di metà del totale. 232 le attività con a capo un giovane; 59 le straniere. Il settore sta crescendo molto in questi ultimi anni: in Lombardia oltre metà delle imprese attive, 584, sono nate dopo il 2010.

In Italia 8.653 le imprese attive del settore: Roma predomina (876), seconda Napoli (507) e terza Torino, ma prima città al nord-ovest (373), davanti a Milano (353). Gli animali piacciono al sud e nelle isole: tra le principali province che trainano il settore ci sono Bari e Palermo con 245 e 206 imprese locali, Salerno e Catania con 187 e 170 imprese. Al centro Firenze vanta 164 imprese.