Areoporti

L’estate del 'Federico Fellini' che prende quota

Passeggeri in aumento del 41%, 207.843 in tutto. La Russia resta il mercato di riferimento: il 70%

L’estate del 'Federico Fellini' che prende quota
| Altro
N. Commenti 0

01/novembre/2016 - h. 19.09

Passeggeri in aumento del 41% all’aeroporto Federico Fellini nel corso della stagione ‘Summer’ 2016, quella che dal 27 marzo al 30 ottobre. In termini assoluti si tratta di 60.455 persone in più rispetto a quelle transitate l’anno
precedente, 207.843 in totale (147.388 nel 2015). In crescita del 55% i voli,
1.735 (rispetto ai 1.122 dello scorso anno), con una media di 120 passeggeri. Un risultato che AIRiminum 2014 invita a leggere tenendo anche conto che “fino al 21 marzo 2016, a pochi giorni dall’avvio della stagione Summer, era
ancora viva in alcune compagnie aeree l’incertezza circa la sentenza del Consiglio di Stato che avrebbe potuto mettere in discussione l’operatività
dello stesso scalo per l’estate”. 
Una situazione venuta a determinarsi con la sentenza del Tar Emilia Romagna, lo scorso 13 settembre 2015, “che di fatto annullava la gara di aggiudicazione” dell’aeroporto, “limitandone fortemente nel periodo autunnale strategico la capacità di sviluppo del gestore in quel momento delegittimato”. Per quanto riguarda invece la tipologia di traffico aereo, per il 47,8% è stato
caratterizzato da voli di linea e per il 52,2% da voli charter. “Un dato che
rispecchia la strategia della società volta a creare un network di rotte sempre più stabili per l’aeroporto, in modo da poter progettare e implementare progetti di sviluppo pluriennali e consolidati. Due terzi circa del traffico di linea proviene da Paesi Extra UE. Mentre si registra una diminuzione dei volumi del traffico charter verso e da i Paesi UE (circa il 7% rispetto all’anno precedente), per il passaggio di status da charter a linea di alcune compagnie nel 2016 (ad esempio Finnair - che nel 2015 volava con lo status di charter - nel 2016 ha registrato circa 5.742 passeggeri di linea)”.
Il mese in cui si sono registrati i maggiori volumi di passeggeri è stato luglio,
con il picco di 48.370 unità transitate dal ‘Fellini’ (+50% rispetto alla Summer 2015, 32.225 passeggeri). Mentre la Russia si conferma il principale volume di traffico per l’aeroporto, con 147.153 passeggeri, che rappresentano circa il 70,8% dei flussi totali (+39,4%). Quanto poi alla riorganizzazione societaria, dal 28 di settembre la società Alquimie 4 Metropolis s.r.l. ha acquisito le 950.000 azioni di AIRiminum 2014 possedute da Rimini Partecipazioni s.r.l. (costituita proprio per rappresentare l’anima riminese). Dopo questa operazione, Armonie s.r.l. - socio promotore di AIRiminum 2014 S.p.A. - controlla direttamente e indirettamente azioni pari all’88,125% del capitale della società gestita dal board composto da Laura Fincato, Lucio Laureti, Leonardo Corbucci, Roberto Montesi e (dal riccionese) Simone Badioli.
Passeggeri in aumento del 41% all’aeroporto Federico Fellini nel corso della stagione ‘Summer’ 2016, quella che dal 27 marzo al 30 ottobre. In termini assoluti si tratta di 60.455 persone in più rispetto a quelle transitate l’anno precedente, 207.843 in totale (147.388 nel 2015). In crescita del 55% i voli,1.735 (rispetto ai 1.122 dello scorso anno), con una media di 120 passeggeri. Un risultato che AIRiminum 2014 invita a leggere tenendo anche conto che “fino al 21 marzo 2016, a pochi giorni dall’avvio della stagione Summer, era ancora viva in alcune compagnie aeree l’incertezza circa la sentenza del Consiglio di Stato che avrebbe potuto mettere in discussione l’operatività dello stesso scalo per l’estate”. 

Una situazione venuta a determinarsi con la sentenza del Tar Emilia Romagna, lo scorso 13 settembre 2015, “che di fatto annullava la gara di aggiudicazione” dell’aeroporto, “limitandone fortemente nel periodo autunnale strategico la capacità di sviluppo del gestore in quel momento delegittimato”. Per quanto riguarda invece la tipologia di traffico aereo, per il 47,8% è stato caratterizzato da voli di linea e per il 52,2% da voli charter. “Un dato che rispecchia la strategia della società volta a creare un network di rotte sempre più stabili per l’aeroporto, in modo da poter progettare e implementare progetti di sviluppo pluriennali e consolidati. Due terzi circa del traffico di linea proviene da Paesi Extra UE. Mentre si registra una diminuzione dei volumi del traffico charter verso e da i Paesi UE (circa il 7% rispetto all’anno precedente), per il passaggio di status da charter a linea di alcune compagnie nel 2016 (ad esempio Finnair - che nel 2015 volava con lo status di charter - nel 2016 ha registrato circa 5.742 passeggeri di linea)”.

Il mese in cui si sono registrati i maggiori volumi di passeggeri è stato luglio,con il picco di 48.370 unità transitate dal ‘Fellini’ (+50% rispetto alla Summer 2015, 32.225 passeggeri). Mentre la Russia si conferma il principale volume di traffico per l’aeroporto, con 147.153 passeggeri, che rappresentano circa il 70,8% dei flussi totali (+39,4%). Quanto poi alla riorganizzazione societaria, dal 28 di settembre la società Alquimie 4 Metropolis s.r.l. ha acquisito le 950.000 azioni di AIRiminum 2014 possedute da Rimini Partecipazioni s.r.l. (costituita proprio per rappresentare l’anima riminese). Dopo questa operazione, Armonie s.r.l. - socio promotore di AIRiminum 2014 S.p.A. - controlla direttamente e indirettamente azioni pari all’88,125% del capitale della società gestita dal board composto da Laura Fincato, Lucio Laureti, Leonardo Corbucci, Roberto Montesi e (dal riccionese) Simone Badioli.