Banche

Faccia a faccia Padoan e i vertici di Mps

All'ordine del giorno il piano industriale della banca che dovrà ricever l'ok della Bce e della Commissione europea

Faccia a faccia Padoan e i vertici di Mps

Pier Carlo Padoan

| Altro
N. Commenti 0

10/gennaio/2017 - h. 19.20

Il ministro dell'Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, ha ricevuto il presidente e l'amministratore delegato di Monte dei Paschi di Siena, Alessandro Falciai e Marco Morelli. Il ministro e i suo collaboratori hanno avviato con il management della banca un confronto propedeutico alla definizione del piano industriale che contempla la ricapitalizzazione precauzionale dell'istituto di credito. 
"Nelle prossime settimane - fa sapere il Mef - il piano industriale andrà sottoposto alla Banca centrale europea che ne dovrà valutare l'efficacia rispetto all'esigenza di rafforzamento del capitale con l'obiettivo di rendere la banca, di per sé solvibile, in grado di resistere agli ipotetici scenari avversi formulati nel corso degli stress test dello scorso anno. Il piano industriale dovrà essere sottoposto anche alla Commissione europea affinché questa ne possa verificare la compatibilità con la disciplina europea sugli aiuti di Stato".
Il ministro dell'Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, ha ricevuto il presidente e l'amministratore delegato di Monte dei Paschi di Siena, Alessandro Falciai e Marco Morelli. Il ministro e i suo collaboratori hanno avviato con il management della banca un confronto propedeutico alla definizione del piano industriale che contempla la ricapitalizzazione precauzionale dell'istituto di credito. 

"Nelle prossime settimane - fa sapere il Mef - il piano industriale andrà sottoposto alla Banca centrale europea che ne dovrà valutare l'efficacia rispetto all'esigenza di rafforzamento del capitale con l'obiettivo di rendere la banca, di per sé solvibile, in grado di resistere agli ipotetici scenari avversi formulati nel corso degli stress test dello scorso anno. Il piano industriale dovrà essere sottoposto anche alla Commissione europea affinché questa ne possa verificare la compatibilità con la disciplina europea sugli aiuti di Stato".