Ravenna

Inaugurata la prima stalla robot di Agrisfera

Il processo di mungitura è automatizzato. L'operazione non sarà obbligata dall'uomo ma rispetterà le necessità delle mucche

Inaugurata la prima stalla robot di Agrisfera
| Altro
N. Commenti 0

13/aprile/2018 - h. 18.23

RAVENNA - “Non c’è futuro per chi dice: abbiamo sempre fatto così”. Giovanni Giambi, direttore di Agrisfera, sintetizza in una frase il percorso di innovazione che ha abbracciato la cooperazione di braccianti, affiancata da Legacoop Romagna e dalle sue strutture di servizio.  La nuova tappa è la stalla robot inaugurata alla Fattoria Guiccioli il 13 aprile a Mandriole - un investimento da 2 milioni di euro - passo in avanti di una strategia aziendale in cui il biologico è diventato protagonista mentre i consumi di latte sono calati di più di un quarto in 20 anni. Lo dicono le analisi di mercato, le opportunità ci sono, però necessitano di un cambio di mentalità. La progressione in pochi anni di Agrisfera è rilevante: riconversione dalla carne al latte, software di gestione, rilevatori automatici, impianti fotovoltaici e quindi robot, automazione spinta.

Si tratta di un investimento di ampliamento e innovazione per l’operazione di mungitura, passando da una tradizionale sala di mungitura alla robotica. Lo scopo è la continua ricerca e il miglioramento del benessere e della salute dell’animale; infatti l’operazione di mungitura non sarà più obbligata dall’uomo, ma verrà effettuata in maniera più naturale e assecondando le esigenze dell’animale, in quanto sarà l’animale stesso a decidere quante volte e quando farsi mungere nell’arco delle 24 ore. Tutto questo comporterà per l’azienda un aumento della produzione litri/capo giornaliera e un minor costo sulla gestione della mandria.