Il caso

La verità su Peppina

Intervento del deputato Sergio Pizzolante

La verità su Peppina
| Altro
N. Commenti 0

09/ottobre/2017 - h. 11.20

Vedo tanta ipocrisia e tanta cattiva informazione. La storia di Peppina è il paradigma, l'esempio archetipo, della deriva dei poteri e della cultura democratica in Italia. 

Leggo pagine di indignazione verso la politica, ma qui la politica non ha colpe specifiche ma generali.  Cioè, non ha potere di intervento e la sua colpa (gravissima) è nel non aver potere. Non nel non esercitarlo. Un sindaco di un Comune vicino a quello di Bettina ha autorizzato tre case mobili in un campeggio per l'emergenza terremoto. Risultato, inchiesta della Procura, dimissioni del sindaco, fine. 

Un albergo è stato sepolto dalla neve dalla slavina, prima di andare a salvare i sopravvissuti, già la Procura apriva l'inchiesta e le telecamere erano quasi sul luogo a cercare i colpevoli, per non aver previsto la catastrofe. Le colpe, i colpevoli.  Vengono prima del soccorso. Questo appassiona gli italiani. 

Nel terremoto in Abruzzo gli scienziati vennero incriminati per non aver previsto il terremoto!  Il terremoto non si può prevedere. I sindaci vogliono avere mille autorizzazioni prima di scegliere i luoghi per le casette. Non arrivano, perché chi deve autorizzare aspetta altre autorizzazioni, che non arrivano, naturalmente.  

Le macerie non vengono sgomberate perché (nessuno lo dice) ci sono le inchieste delle Procure, i sequestri, le competenze sulle opere, ma anche sulle pietre, della Sovrintenza. 
Siccome questa vicenda assurda di Peppina riguarda una vecchietta di 95 anni, tutti si emozionano e si appassionano. Ma se un sindaco avesse autorizzato la casetta e ci fosse stata lì, proprio in quel luogo, una scossa, tutti avrebbero partecipato al massacro dell'uomo e della politica. Ci sarebbe voluto un po' di buon senso.  

Il Pm, il sindaco, il Sovrintendente, il direttore del giornale e del telegiornale, dovevano andare a portare un pensiero a Peppina. Un regalino, una carezza.  Ma questa non è più l'Italia del buonsenso e tanto meno del pensiero.

Sergio Pizzolante, Deputato vice presidente gruppo Area Popolare (ncd-udc) presso Camera dei Deputati