Bertinoro

Sul Colle le bollette pazze del gas

Il fornitore chiede conguagli degli ultimi cinque anni e manda in tilt i conti delle famiglie. Il Comune:“Per ora non pagate”

Sul Colle le bollette pazze del gas
| Altro
N. Commenti 0

24/ottobre/2013 - h. 08.43

BERTINORO - A Bertinoro scoppia il caso delle bollette del gas. Parcelle “anomale” relative a conguagli per il periodo 2007 - 2013 che promettono di sballare i conti di molte famiglie. Le bollette sono quelle di Gdf Suez ex Italcogim che sul Colle fornisce gas alla gran parte dei residenti. Nei giorni scorsi le fatture con cifre importanti hanno cominciato ad arrivare copiose e in molti si sono rivolti al Comune per capire cosa fare. Cinque anni di conguaglio sulle bollette non sono cosa da poco. In alcuni casi le richieste arrivano a diverse centinaia di euro. E’ stato lo stesso Municipio, ieri, ha dare alcune indicazioni su come difendersi. “In attesa di chiarimenti - dice l’ente - e in accordo con le associazioni dei consumatori, chi lo ritiene opportuno può momentaneamente sospendere il pagamento di questo tipo di bolletta, in quanto non incide sulla fornitura corrente di gas, e inoltre, chi intende segnalare il ricevimento di questa anomalia, può portare una copia della bolletta in Comune all’Ufficio Segreteria”.

Dunque il Municipio prende in mano la questione cercando di sbrogliare
l’intricata matassa. Il sindaco si è anche impegnato ad informare i cittadini sugli aggiornamenti e a contattare la società che fornisce il gas per capire il perché di queste richieste improvvise. E non sono solo i servizi pubblici a creare grattacapi. Sempre in questi giorni, nel comprensorio forlivese e a Forlì città si segnalano anche casi di cartelle pazze di Equitalia. Il braccio destro dell’Agenzia dell’entrate, vero spauracchio per molti da privati a imprenditori, sta recapitando delle missive in cui si sanzionano i contribuenti per presunti ritardi sui pagamenti delle tasse. Importi alti che comprendono interessi di mora e diritti di notifica. In moltissimi casi si tratta di errori di calcolo del sistema informatico e la stessa Agenzia delle entrate chiarisce che non c’è nulla da pagare. Insomma tempi duri per gli utenti contribuenti costretti a difendersi da continue richieste di pagamenti spesso non dovuti oppure non chiari come nel caso delle tante bollette delle varie società di distribuzione dei servizi.