Romagna

Addio indipendenza: bocciata la Romagna Regione autonoma

Scartato l'emendamento della Lega Nord per la scissione dall'Emilia. Pini: "Voto infame del Pd. Ora il referendum"

Addio indipendenza: bocciata la Romagna Regione autonoma
| Altro
N. Commenti 0

12/dicembre/2014 - h. 09.28

ROMAGNA - Regione Romagna bocciata. La Lega Nord va su tutte le furie. Era una loro proposta che ieri non è stata accolta. La commissione Affari costituzionali della Camera ha infatti bocciato un emendamento del Carroccio alla riforma del bicameralismo e del Titolo V, che avrebbe staccato la Romagna dall’Emilia, facendone una Regione a statuto speciale.

Il leghista romagnolo Gianluca Pini parla di tradimento e di voto infame e attacca i parlamentari romagnoli del Pd.  “Con un voto infame - dice Gianluca Pini - il Pd ha tradito, per l'ennesima volta, l’identità romagnola. Anche i deputati romagnoli del Pd hanno scelto di continuare a piegar la testa verso Bologna. Una mossa infame”. Il leghista poi chiama a raccolta tutti i suoi per organizzare immediatamente il referendum popolare. “A questo punto - dice il parlamentare del Carroccio - torneremo a chiedere il voto della gente: da domani si parte subito ad organizzare il referendum per l’autodeterminazione della Romagna”.