Romagna

Allerta meteo di 66 ore: pioggia, vento e neve

Preoccupazione per i livelli di tutti i fiumi romagnoli. Sulla costa mareggiate e abbondante neve dall'Appennino alla pianura

Allerta meteo di 66 ore: pioggia, vento e neve
| Altro
N. Commenti 0

03/febbraio/2015 - h. 17.11

ROMAGNA - Quattro giorni di neve e vento forte in Emilia-Romagna, a partire da stasera e fino alle 12 di venerdì prossimo. La Protezione civile regionale ha lanciato un'allerta meteo di 66 ore, da Piacenza a Rimini. Prima preoccupazione, la neve. La Protezione civile prevede accumuli di 10-30 centimetri di neve in pianura, fino a 40 centimetri in collina e oltre mezzo metro in montagna. Per questo, si legge nel bollettino, "potrebbero diventare difficoltose le condizioni di circolazione sulla rete stradale ordinaria, secondaria e autostradale".

Disagi previsti anche da Autostrade per l'Italia per i prossimi giorni, in particolare sull'Appennino tosco-emiliano. Una prima perturbazione porterà stasera deboli nevicate in Appennino: sopra i 300 metri sul settore centro-occidentale, dai 600 metri nella parte orientale. In pianura sono invece previsti fenomeni di acqua mista a neve, senza accumuli. Il tempo peggiorerà domani, mercoledì 4 febbraio, per una zona di bassa pressione in arrivo dall'alto Tirreno, che porterà su tutta l'Emilia-Romagna piogge e nevicate moderate, localmente abbondanti, anche in pianura (prima a ovest, poi anche a est da giovedì). La quantità di neve è prevista sopra i valori di soglia nelle vallate del Lamone e del Savio, del Reno, del Secchia e del Panaro, del Trebbia e del Taro, ma anche nelle pianura di Parma, Piacenza, Reggio Emilia e Modena.

In Romagna, da giovedì sono previsti invece temporali (45 millimetri di pioggia in 24 ore nelle pianure di Forlì e Ravenna) e vento forte da nord-est, con valori massimi di 75 chilometri orari e raffiche fino a 110 chilometri orari sulla costa (leggermente più debole sui rilievi e in pianura). Il mare sarà agitato con onde di oltre tre metri e possibili mareggiate lungo la costa (previste onde di 4-6 metri al largo).

Nel Forlivese e nel Ravennate, la Protezione civile si aspetta l'innalzamento dei corsi d'acqua oltre la soglia 1, con possibili frane e allagamenti localizzati di sottopassi, cantine e terreni agricoli. Per il vento forte potrebbero rimanere danneggiati i tetti e le strutture temporanee come tendoni o impalcature. Le mareggiate potrebbero interessare gli stabilimenti balneari e, localmente, sommergere i moli, rendendo difficoltose le attività portuali.