Forlì

Aeroporto: consegnate ieri le chiavi, ma c'è una beffa

Ad AirRomagna non resta che sottoscrivere l'accordo per cominciare a volare, ma il direttore di Enac è in ferie e occorre attendere altri 15 giorni

Aeroporto: consegnate ieri le chiavi, ma c'è una beffa
| Altro
N. Commenti 0

30/maggio/2015 - h. 10.50

FORLI' - Consegnate le chiavi dell’aeroporto “Ridolfi”. L’odissea è terminata, ma non del tutto perché la società dovrà attendere ancora, almeno quindici giorni, per entrare in possesso dello scalo. Ieri a Bologna la curatrice fallimentare di Seaf (la società che gestiva l’aeroporto, poi fallita), Enrica Erani ha incontrato i vertici di Enac ai quali ha consegnato il documento firmato di “via libera”. In pratica è come se avesse messo in mano all’ente le chiavi del “Ridolfi”.

Ora la società privata Air Romagna spa (controllata dall’imprenditore statunitense Robert Halcombe che ne detiene il 92%, con Armando De Girolamo della Lotras che ha il 5% e con il marchigiano Calisto Maurilli della Siem che detiene il 3%), che ha ottenuto l’aggiudicazione per la gestione dell’aeroporto, deve firmare la convenzione con Enac. “Il testo è già pronto da tempo - dice Marco di Maio, il deputato Pd esultando per il risultato di ieri a Bologna - basta firmarlo e procedere poi con investimenti, progetti e azioni per riportare lo scalo alla piena operatività”.

In realtà c’è l’ennesima beffa per Air Romagna. La firma si potrà fare solo il 15 giugno, perché il direttore generale di Enac, Alessio Quaranta, è in ferie. Intanto Rimini può lavorare e Forlì restare al palo in attesa del riposo del direttore di Enac. Resta comunque un buon passo in avanti, ma c’è ancora da fare tanta strada e molto lavoro prima di vedere decollare un aereo sopra i cieli di Forlì: gli immobili e le attrezzature del sedime aeroportuale, di proprietà di Enac e quindi dello Stato, sono in stato abbandono e gli aggiudicatari del bando hanno già stimato con una perizia tecnica che i danni ammontano a oltre 300mila euro. Non basta quindi una spolverata, dopo due anni di inattività.