Sanità

Gli Ospedali Privati a Forlì crescono e si fanno in tre

Acquisita Villa delle Orchidee. Va ad aggiungersi alle altre due cliniche del Gruppo, Villa Serena e Villa Igea

Gli Ospedali Privati a Forlì crescono e si fanno in tre

Villa delle Orchidee. La struttura sanitaria è in via Balducci

| Altro
N. Commenti 0

30/dicembre/2016 - h. 00.50

 

Cresce la sanità privata a Forlì. Il Gruppo Ospedali Privati Forlì, che già comprende le due storiche cliniche di Villa Serena e Villa Igea, ha infatti acquisito Villa delle Orchidee, la struttura sanitaria di via Balducci, chiusa da alcuni anni. Villa delle Orchidee, come clinica, riaprirà così i battenti entro la metà del 2917 per ampliare ulteriormente l’offerta dei servizi degli Ospedali privati di Forlì, oltre a portare benefici all’intero territorio, a partire dai nuovi posti di lavoro che creerà per infermieri, operatori sociosanitari e medici: un investimento che conferma anche lo stato di salute del Gruppo, oggi uno dei principali poli sanitari in regione. 
Nato all’inizio dell’anno dalla fusione di Villa Serena e Villa Igea, Ospedali Privati Forlì procede dunque nel suo percorso di sviluppo: Villa delle Orchidee consentirà infatti alla società di andare ulteriormente a completare la propria
proposta e la gamma di servizi. In particolare, la nuova struttura metterà a disposizione complessivamente mille metri quadrati nei quali troveranno posto, tra gli altri, l’Area Donna, il percorso integrato dedicato alla salute femminile a ogni età, dall’adolescenza all’età fertile fino alla menopausa e l’Unità di Chirurgia plastica estetica e ricostruttiva, ma anche strutture come la piscina specializzata per il Servizio di Fisioterapia e Riabilitazione.
L’apertura e la completa operatività di Villa delle Orchidee sono previste entro la metà del prossimo anno; a queste si accompagnerà una riorganizzazione dei servizi e delle professionalità presenti nelle altre due strutture di Villa Serena e Villa Igea, nell’ottica di una razionalizzazione degli spazi. Il Gruppo Ospedali Privati, con 176 dipendenti e oltre 170 medici e un giro di affari che
nel 2015 si è assestato intorno ai 30 milioni di euro con oltre 6.900 casi chirurgici, circa 9.500 degenti e oltre 173mila prestazioni ambulatoriali, si conferma come una delle principali realtà nella sanità privata a livello regionale.
Cresce la sanità privata a Forlì. Il Gruppo Ospedali Privati Forlì, che già comprende le due storiche cliniche di Villa Serena e Villa Igea, ha infatti acquisito Villa delle Orchidee, la struttura sanitaria di via Balducci, chiusa da alcuni anni. Villa delle Orchidee, come clinica, riaprirà così i battenti entro la metà del 2917 per ampliare ulteriormente l’offerta dei servizi degli Ospedali privati di Forlì, oltre a portare benefici all’intero territorio, a partire dai nuovi posti di lavoro che creerà per infermieri, operatori sociosanitari e medici: un investimento che conferma anche lo stato di salute del Gruppo, oggi uno dei principali poli sanitari in regione. 

 

Nato all’inizio dell’anno dalla fusione di Villa Serena e Villa Igea, Ospedali Privati Forlì procede dunque nel suo percorso di sviluppo: Villa delle Orchidee consentirà infatti alla società di andare ulteriormente a completare la propria proposta e la gamma di servizi. In particolare, la nuova struttura metterà a disposizione complessivamente mille metri quadrati nei quali troveranno posto, tra gli altri, l’Area Donna, il percorso integrato dedicato alla salute femminile a ogni età, dall’adolescenza all’età fertile fino alla menopausa e l’Unità di Chirurgia plastica estetica e ricostruttiva, ma anche strutture come la piscina specializzata per il Servizio di Fisioterapia e Riabilitazione.

L’apertura e la completa operatività di Villa delle Orchidee sono previste entro la metà del prossimo anno; a queste si accompagnerà una riorganizzazione dei servizi e delle professionalità presenti nelle altre due strutture di Villa Serena e Villa Igea, nell’ottica di una razionalizzazione degli spazi. Il Gruppo Ospedali Privati, con 176 dipendenti e oltre 170 medici e un giro di affari chenel 2015 si è assestato intorno ai 30 milioni di euro con oltre 6.900 casi chirurgici, circa 9.500 degenti e oltre 173mila prestazioni ambulatoriali, si conferma come una delle principali realtà nella sanità privata a livello regionale.