Forlì

Demolizione del vecchio serbatoio pensile dell’acquedotto

L'operazione avverrà giovedì nel quartiere Romiti avverrà giovedì. Chiuse le scuole della zona

Demolizione del vecchio serbatoio pensile dell’acquedotto
| Altro
N. Commenti 0

19/settembre/2017 - h. 14.58

E’ stato programmato, per la mattinata di giovedì 21 settembre p.v., l’intervento di demolizione del vecchio serbatoio pensile dell’acquedotto, fuori esercizio da 15 anni, che si trova nell’area cortilizia della scuola materna di via Sapinia nel quartiere Romiti di Forlì.
La necessità di demolire tale struttura, costruita nella fine degli anni ’50,  secondo i criteri di allora, alta 38 metri e con un diametro di 11, è dovuta alla sua sostanziale utilità per la gestione del servizio idrico: infatti è disconnessa dal 2002 dalla rete cittadina di distribuzione acquedottistica civile.
Per eseguire una corretta cantierizzazione dell’intervento, è stato necessario occupare temporaneamente il campo a seminativo laterale, nella cui direzione sarà fatto cadere il serbatoio.
Le operazioni saranno coordinate dalla Prefettura di Forlì-Cesena, che attraverso il Centro Operativo Misto all’uopo costituito e, che sarà operativo fin dalle ore 07,30, presso la Scuola Primaria “Pio Squadrani”, terrà le file delle molteplici attivazioni curate dai  vari soggetti  attivati per l’occasione.  Parteciperanno attivamente alle operazioni, oltre al Comune di Forlì – incaricato delle operazioni di evacuazioni e accoglienza dei residenti all’interno l’area di sicurezza – anche HERA, i Vigili del Fuoco, il 118 di Forlì, le Forze di Polizia, la Polizia Municipale ed il Volontariato la cui opera risulterà indispensabile proprio durante le fasi di accompagnamento ed assistenza dei cittadini  che dovranno per qualche ora allontanarsi dalla propria abitazione.
Per poter procedere alla demolizione in sicurezza è stata prevista la chiusura della Scuola Secondaria 1° Grado “G. Mercuriali”, via Sapinia, 38, della Scuola Primaria “Pio Squadrani”, via Valeria, 14, della Scuola dell’infanzia “Le Api”, via Sapinia, 38 e dell’adiacente Palazzetto dello Sport, inoltre la viabilità sarà interessata dalla chiusura di un tratto via Sapinia e di via Valeria.
E’ stato programmato, per la mattinata di giovedì 21 settembre p.v., l’intervento di demolizione del vecchio serbatoio pensile dell’acquedotto, fuori esercizio da 15 anni, che si trova nell’area cortilizia della scuola materna di via Sapinia nel quartiere Romiti di Forlì. 

La necessità di demolire tale struttura, costruita nella fine degli anni ’50,  secondo i criteri di allora, alta 38 metri e con un diametro di 11, è dovuta alla sua sostanziale utilità per la gestione del servizio idrico: infatti è disconnessa dal 2002 dalla rete cittadina di distribuzione acquedottistica civile. Per eseguire una corretta cantierizzazione dell’intervento, è stato necessario occupare temporaneamente il campo a seminativo laterale, nella cui direzione sarà fatto cadere il serbatoio.

Le operazioni saranno coordinate dalla Prefettura di Forlì-Cesena, che attraverso il Centro Operativo Misto all’uopo costituito e, che sarà operativo fin dalle ore 07,30, presso la Scuola Primaria “Pio Squadrani”, terrà le file delle molteplici attivazioni curate dai vari soggetti attivati per l’occasione. Parteciperanno attivamente alle operazioni, oltre al Comune di Forlì – incaricato delle operazioni di evacuazioni e accoglienza dei residenti all’interno l’area di sicurezza – anche HERA, i Vigili del Fuoco, il 118 di Forlì, le Forze di Polizia, la Polizia Municipale ed il Volontariato la cui opera risulterà indispensabile proprio durante le fasi di accompagnamento ed assistenza dei cittadini  che dovranno per qualche ora allontanarsi dalla propria abitazione.

Per poter procedere alla demolizione in sicurezza è stata prevista la chiusura della Scuola Secondaria 1° Grado “G. Mercuriali”, via Sapinia, 38, della Scuola Primaria “Pio Squadrani”, via Valeria, 14, della Scuola dell’infanzia “Le Api”, via Sapinia, 38 e dell’adiacente Palazzetto dello Sport, inoltre la viabilità sarà interessata dalla chiusura di un tratto via Sapinia e di via Valeria.