Modigliana

In tre denunciati per incendio colposo

Due cacciatori e il figlio di uno di loro, per spaventare i volatili, danno fuoco al bosco

In tre denunciati per incendio colposo

Foto di repertorio

| Altro
N. Commenti 0

20/ottobre/2017 - h. 13.44

Nel tardo pomeriggio di ieri, I Carabinieri della Stazione di Modigliana intervenivano assieme a diverse squadre di Vigili del Fuoco e della Protezione Civile in via Trerrè di Modigliana dove era scoppiato un incendio nel podere Pompignola, località che volge verso Marradi (FI).
Le fiamme, particolarmente estese, distruggevano oltre quattro ettari di ginestre e macchia mediterranea, mettendo in pericolo un’abitazione insistente all’interno dell’area, poiché giunte quasi a ridosso e mettevano a dura prova il personale intervenuto.
Le indagini condotte dai Carabinieri, che raccoglievano le testimonianze di persone abitanti in zona, permettevano di risalire alle cause accidentali che avevano determinato l’incendio, partito dall’accensione di alcuni petardi. Individuavano quindi  i modelli delle auto con cui i responsabili si erano velocemente allontanati dalla zona.
Le informazioni raccolte e la conoscenza del territorio e dei suoi abitanti portava i Carabinieri sulle tracce degli autori che venivano raggiunti in serata  presso le loro abitazioni e condotti in caserma.
Tre uomini, due cacciatori di 47 anni del luogo, assieme al figlio 17enne di uno di loro, andati a  caccia in quel podere. I militari potevano ricostruire le modalità con cui era stato innescato l’incendio.  Il giovane, al fine di facilitarne la caccia dei due adulti con cui era in compagnia, stava tentando, attraverso alcune esplosioni di petardi, di indirizzare i volatili  verso i predatori. Dalle esplosioni partivano le fiamme che immediatamente si diffondevano coinvolgendo la vegetazione. I tre, anziché adoperarsi per chiamare i soccorsi, si allontanavano dal luogo a bordo della loro auto.
Al termine delle attività di indagini,  i tre responsabili sono stati deferiti in stato di libertà alle competenti AA.GG. per il reato di incendio colposo.
Nel tardo pomeriggio di ieri, i Carabinieri della Stazione di Modigliana intervenivano assieme a diverse squadre di Vigili del Fuoco e della Protezione Civile in via Trerrè di Modigliana dove era scoppiato un incendio nel podere Pompignola, località che volge verso Marradi (FI).

Le fiamme, particolarmente estese, distruggevano oltre quattro ettari di ginestre e macchia mediterranea, mettendo in pericolo un’abitazione insistente all’interno dell’area, poiché giunte quasi a ridosso e mettevano a dura prova il personale intervenuto.

Le indagini condotte dai Carabinieri, che raccoglievano le testimonianze di persone abitanti in zona, permettevano di risalire alle cause accidentali che avevano determinato l’incendio, partito dall’accensione di alcuni petardi. Individuavano quindi  i modelli delle auto con cui i responsabili si erano velocemente allontanati dalla zona. Le informazioni raccolte e la conoscenza del territorio e dei suoi abitanti portava i Carabinieri sulle tracce degli autori che venivano raggiunti in serata presso le loro abitazioni e condotti in caserma.

Tre uomini, due cacciatori di 47 anni del luogo, assieme al figlio 17enne di uno di loro, andati a  caccia in quel podere. I militari potevano ricostruire le modalità con cui era stato innescato l’incendio. Il giovane, al fine di facilitarne la caccia dei due adulti con cui era in compagnia, stava tentando, attraverso alcune esplosioni di petardi, di indirizzare i volatili  verso i predatori. Dalle esplosioni partivano le fiamme che immediatamente si diffondevano coinvolgendo la vegetazione. I tre, anziché adoperarsi per chiamare i soccorsi, si allontanavano dal luogo a bordo della loro auto.

Al termine delle attività di indagini, i tre responsabili sono stati deferiti in stato di libertà alle competenti AA.GG. per il reato di incendio colposo.