Forlì

Sciopero all'Electrolux, i sindacati: "Agli operai viene chiesto di controllare il lavoro dei colleghi"

I sindacati lamentano le nuove direttive aziendali. "No al controllo a distanza dell'attività lavorativa"

Sciopero all'Electrolux, i sindacati: "Agli operai viene chiesto di controllare il lavoro dei colleghi"
| Altro
N. Commenti 0

12/novembre/2018 - h. 17.02

FORLì - Sciopero all'Electrolux di Forlì: le rappresentanze sindacali unitarie hanno invitato tutti i lavoratori a fermarsi per un'ora e mezza. Sciopero, questo, che segue le sei ore di astensione dal lavoro già effettuate nei giorni scorsi dalla stragrande maggioranza dei lavoratori dello stabilimento forlivese.   La mobilitazione inoltre continuerà con un ulteriore pacchetto di iniziative di sciopero.

"Queste decisioni - scrivono i sindacati -  sono state prese perché Electrolux, implementando l’utilizzo della robotica in azienda" vorrebbe far svolgere operazioni supplementari agli operai che "sono  già coinvolti in cicli di lavoro molto faticosi". I sindacati ricordano anche che " la situazione generale dell’azienda è migliorata sensibilmente negli ultimi anni, passando da un utilizzo continuo degli ammortizzatori sociali ad aumenti sensibili dei volumi produttivi e alla necessità di fare nuove assunzioni anche grazie all’impegno e al sacrificio degli operai, che hanno garantito una maggiore produttività aumentando negli scorsi anni i ritmi di lavoro".

Nello specifico - dicono i sindacati - "ai lavoratori nelle linee di montaggio si vorrebbe imporre, oltre alle loro già impegnative mansioni, un’attività di controllo e riparazione su quanto fatto dai colleghi nelle fasi precedenti".Una sorta di attività di controllo che potrebbe "generare dissidi e litigi". I sindacati parlando di "una specie di Grande Fratello". Inoltre, ad avviso delle organizzazioni siindacali, questo elemento potrebbe comportare il controllo a distanza dell’attività lavorativa, vietato dallo Statuto dei Lavoratori, e per il quale si chiederà un intervento di verifica all’Ispettorato". I precedenti tentativi di arrivare ad un accordo con la Ddirezione aziendale si sono finora "rivelati vani, dunque l’assemblea dei lavoratori ha deciso che avrebbe protestato fortemente contro questa volontà di aggravare le condizioni di lavoro e che avrebbe chiesto una verifica sui rischi per la salute che questa situazione potrebbe comportare".