Forlì

Gabriele Zelli non si candiderà a sindaco: "A 66 anni non avriei le forze per questo compito"

La lettera: "Occorre essere onesti con se stessi e con i cittadini forlivesi e dire che l’eventuale quinquennio da sindaco sarebbe un compito troppo oneroso per le mie possibilità"

Gabriele Zelli non si candiderà a sindaco: "A 66 anni non avriei le forze per questo compito"

Il municipio di Forlì

| Altro
N. Commenti 0

05/febbraio/2019 - h. 13.47

Gabriele Zelli non correrà come sindaco i a Forlì. In una lettera Zelli spiega i motivi della sua scelta: "Mi è stato chiesto di candidarmi (molti hanno addirittura evidenziato che non importava come e in che modo!). Tutti lo hanno fatto con insistenza e portando tantissime buone ragioni, alcune addirittura inconfutabili. Poi ho ricevuto sollecitazioni tramite centinaia di messaggi e molte mail. Non solo, ho ricevuto analoghe sollecitazioni dalle decine e decine di cittadini che ho incontrato, nel periodo in questione ma anche prima, per strada, in piazza, nei locali pubblici che ho frequentato, nei negozi e così via. Negli ultimi giorni mi è stato chiesto di farlo anche da parte della Direzione del PD forlivese e di Articolo 1 – MPD di Forlì".

Zelli spiega: "Nel ringraziare tutti con gratitudine e attanagliato da una profonda commozione per le espressioni di stima e di fiducia ci tengo a far presente, con la consueta franchezza e sincerità, che se avessi dieci anni di meno, non se fosse stato dieci anni fa, non avrei dubbi su cosa fare. Da almeno tre mesi sarei in piena campagna elettorale cercando di esortare i cittadini forlivesi a rendersi protagonisti della vita della propria città. Città che ha molti punti di eccellenza così come problematiche che devono essere affrontate e risolte.".

Continia zelli: "In questi anni, ho cercato di essere a disposizione di tutti i cittadini in ogni momento della giornata e dell’anno. Oggi, a 66 anni, qualora fosse possibile vincere la competizione elettorale, mi caricherei di una responsabilità che va affrontata con una forza fisica e una lucidità mentale che dovrebbero paradossalmente aumentare anziché, com’è nell’ordine naturale delle cose, diminuire. Occorre anche in questa circostanza, che mi addolora e che deluderà molti, essere onesti con se stessi e con i cittadini forlivesi e dire che l’eventuale quinquennio da sindaco sarebbe un compito troppo oneroso per le mie possibilità. Solo questa valutazione mi ha frenato e mi frena".