Faenza

Aggredisce autista e prende a calci il bus, denunciato 24enne

Prima lamenta un ritardo inesistente, poi minaccia il conducente e infine viene alle mani

Aggredisce autista e prende a calci il bus, denunciato 24enne
| Altro
N. Commenti 0

12/dicembre/2014 - h. 20.11

FAENZA - Individuato l'autore dell'aggressione avvenuta alle 19.30 del 25 settembre. Il ragazzo, un 24enne marocchino con diversi precedenti, era salito a bordo dell'autobus che collega Faenza a Casola Valsenio e aveva dato vita a un esasperato parapiglia. Inizialmente aveva accusato ingiustamente l'autista di avergli fatto perdere la corsa precedente a causa di una partenza (a suo dire) anticipata. Quando il bus è giunto in prossimità di Casola, superata la fermata "Ponte dei Monteroni", il giovane marocchino ha dato inizio ad un'altra protesta nei confronti del malcapitato autista che si era rifiutato di farlo scendere in un tratto di strada privo di fermata. "Si trattava di un punto molto pericoloso - spiega in una nota stampa - poichè in corrispondenza di una curva in condizioni di scarsa visibilità. Ci avrebbe esposti tutti al pericolo per fare meno strada a piedi per tornare a casa". Nel momento in cui il conducente ha tirato dritto, il 24enne ha dato il via a una serie di minacce e insulti, arrivando a dire che lo avrebbe ammazzato o che avrebbe dato fuoco a tutti i pullman. Il passo tra il dire e il fare è stato breve. In preda all'ira il ragazzo ha premuto un pulsante di emergenza, costringendo l'autista ad una brusca frenata e facendo così cadere parecchi passeggeri. Non contento, prima di scendere dal mezzo pubblico ha lanciato una catenina contro il conducente e, una volta sceso definitivamente ha danneggiato il radiatore del veicolo con una serie di calci. I carabinieri, venuti a conocenza del fatto il giorno successivo in seguito alla querela del conducente, hanno dato il via alle indagini. Solo le testimonianze dei presenti e un identikit ben dettagliato hanno permesso ai militari dell'Arma di risalire all'identità del 24enne. Su di lui la denuncia a piede libero per violenza e minaccia di incaricato di pubblico servizio, interruzione di un servizio di pubblica utilità e danneggiamento aggravato di veicolo adibito al trasporto pubblico. A ciascuno il suo.