Ciclismo

Pacioni, Belletti e gli Azzurri: che Coppi e Bartali!

rende oggi il via da Gatteo la Settimana Internazionale 2015 Il giovane romagnolo correrà con la Nazionale Sperimentale dei ct Cassani e Amadori

Pacioni, Belletti e gli Azzurri: che Coppi e Bartali!
| Altro
N. Commenti 0

26/marzo/2015 - h. 08.46

ROMAGNA - Si alza il sipario su una grande settimana romagnola tinta di azzurro. La tra- dizionale Coppi e Bartali-Trofeo Ban- ca Interprovinciale in programma da oggi a sabato vedrà infatti al via fra i 198 iscritti anche la Nazionale mista e sperimentale guidata dai ct Cassani e Amadori, che vede fra i convocati (gli altri sono Valerio Agnoli, Giulio Ciccone, Valerio Conti, Riccardo Donato, Seid Lizde, Davide Martinelli e Gianni Moscon) anche il profeta in patria Luca Pacioni, attesissimo al pari del compaesano Luca Belletti.

 L’EDIZIONE 2015 La giornata inaugurale come da tradizione sarà suddivisa in due frazioni: questa mattina si terrà la tappa in linea da Gatteo a Gatteo sulla distanza di 99,5 km (do- po il via dal cuore di Gatteo i corridori raggiungeranno lo stabilimento della Sidermerc di Pino Buda, marchio da sempre vicino al grande ciclismo) e a seguire, come da tradizione, anche quest’anno la cronosquadre si proporrà con l’azzeccata formula proposta nelle edizioni precedenti: quella delle squadre suddivise in due formazioni da 4 corridori ciascuna su un trac- ciato interamente pianeggiante di 13 km e 300 mt che da Gatteo Mare porterà le squadre ad altissima velocità verso il traguardo di Via Roma di Gatteo dove si conoscerà il primo leader. La seconda tappa prenderà il via domani da Cesenatico. Le fasi iniziali si svilupperanno lungo il circuito cittadino che caratterizza le fasi finali del Memorial Pantani – GP Sidermec.

Dopo due giri iniziali la corsa
si dirigerà verso Gatteo per transitare a Sant’Angelo per poi, attraverso la provincia di Rimini, raggiungere Sogliano dove inizierà il primo dei quattro giri finali. Si tratta di un circuito particolarmente nervoso. La terza tappa, venerdì, è dedicata ai velocisti e si aprirà nella località di Bargellino a Calderara di Reno, proprio a due passi dal quartier generale del Gruppo Sportivo Emilia. La quarta ed ultima tappa è indubbiamente la più impegnativa e questo darà alla gara una suspence fino all’ultimo metro. Si parte da Pavullo per arrivare a Roccapelago dopo 152,6 km.