Rimini

"Parco della Poesia", lo "Strega" della poesia

Si parte oggi con la presentazione del libro di Filippo Amadei. I giurati arrivano a Rimini venerdi, sabato la finale con 500 studenti

"Parco della Poesia", lo "Strega" della poesia

Massimo Pasquinelli con Isabella Leardini, ideatrice del premio

| Altro
N. Commenti 0

08/aprile/2015 - h. 17.15

RIMINI - Tutto comincia oggi. Il programma del Premio Rimini inizia ufficialmente questo pomeriggio, ore 17, a Palazzo Buonadrata, quando il vincitore della prima edizione della kermesse, Filippo Amadei, presenterà la sua raccolta di poesie, Oltre le ringhiere, edita da Raffaelli in Rimini. 

I grandi giurati caleranno sulla città venerdì 10 aprile, per un momento di enogastronomia lirica: costoro, insieme ai finalisti, ceneranno all’Osteria de Borg, «nella cornice del Borgo San Giuliano». Come dice il comunicato «sarà l’occasione per incontrare da vicino gli autori e ascoltarli leggere i propri inediti in un’atmosfera conviviale». Il giorno dopo, sabato 11 aprile, è il momento fatale: alle ore 10, in Sala Manzoni, recital dei finalisti davanti a 500 studenti riminesi che sceglieranno il supervincitore. 

Gran finale in Palazzo Buonadrata la sera, ore 17, quando Sergio Zavoli terrà «una preziosa lectio magistralis», a cui si potrà accedere liberamente. Il succo del Premio Rimini, al di là della sua singolare valenza estetica, è perfino didattico: si intende far conoscere agli studenti la vitalità della lirica italiana (si sa che i programmi teminano sulla lapide di Ungaretti-Montale, forse si tocca Pasolini, a mala pena), una disciplina nel linguaggio che prosegue da Dante in qua, fino ad oggi.