Milano Marittima

Maltempo: strade allagate e pini caduti

Disagi alla Terza Traversa a Milano Marittima. Il sindaco: “Sconsigliato accedere in pineta”

Maltempo: strade allagate e pini caduti
| Altro
N. Commenti 0

24/maggio/2015 - h. 16.58

MILANO MARITTIMA - Il maltempo non ha risparmiato la città di Cervia, che nella giornata di ieri, per l’ennesima volta, ha dovuto fare la conta dei danni in pineta e in città. “La situazione sta tornando progressivamente alla normalità anche grazie al fatto che, almeno per qualche ora nel pomeriggio, ha smesso di piovere - ha spiegato il sindaco Luca Coffari -. Dopo essere stata chiusa per tutta la mattina, è stata riaperta intorno alle 12 via G. Di Vittorio. 

Inoltre sono terminati anche i laI vori di rimozione dei pini caduti alla Terza Traversa di Milano Marittima”. Disagi e allagamenti si sono registrati anche nel centrale viale Roma a Cervia, mentre è da valutare la situazione in altre aree comunali dopo che, ieri sera, sulla città si è scatenata una nuova precipitazione. 

Ancora problemi alla pineta Sul versante della pineta il sindaco avverte: “Non accedere alla pineta di Pinarella e Tagliata o a zone con allagamenti circoscritti. Inoltre bisogna fare attenzione alla segnaletica luminosa dei sottopassi e quella eventualmente posizionata lungo le strade”. In pineta sono caduti, a ridosso di viale Italia, diversi pini. Un fatto che ormai viene considerato inevitabile. 

Infatti, la fitta caduta dei pini di febbraio e marzo ha tolto la protezione naturale a quelli presenti sul versante di viale Italia: “Nel piano degli investimenti - ha aggiunto Coffari - abbiamo stanziato 450.000 euro per un grande progetto di rigenerazione della pineta che prevede tonnellate di sabbia per realizzare riporti modulati a dune e migliaia di piante per coprire tutte le aree scoperte dalla caduta. 

Questo intervento partirà dopo l’estate, in quanto ora non c’erano le condizioni tecniche e i tempi di realizzazione. Prima dell’estate - ha concluso il primo cittadino - oltre alle zone ripiantate con i contributi della Sagra della Seppia, con l’aiuto dei bagnini ripristineremo i camminamenti e il piano di calpestio con riporti di sabbia e materiali specifici”.