Ravenna

Tenta il colpo in una farmacia del centro, arrestato

Ladro incastrato dalla segnalazione di un passante mentre stava scassinando una saracinesca nel cuore della notte

Tenta il colpo in una farmacia del centro, arrestato
| Altro
N. Commenti 0

29/agosto/2015 - h. 14.06

RAVENNA - Ha tentato di mettere a segno un colpo in una farmacia del centro quando, vistosi scoperto, si è dato alla fuga senza successo. Si tratta di un kosovaro di 45 anni, arrestato questa notte dai carabinieri della Compagnia di Ravenna per tentato furto.

Era circa l'1.30 quando alla Centrale operativa è giunta la chiamata di un cittadino che segnalava la presenza di un individuo sospetto che, con discrezione, stava forzando le inferriate della farmacia di via Cavour. Giunti sul posto i carabinieri hanno impedito che il ladro, vistosi scoperto dalla presenza del passante, riuscisse a fuggire: le preziose indicazioni del testimone poi, hanno indirizzato la Gazzella sulla pista del malvivente che alla fine è stato intercettato mentre si stava allontanando in sella alla sua bicicletta.

Fermato e sottoposto a un controllo, il kosovaro è stato trovato in possesso di uno zainetto contenente innumerevoli oggetti e arnesi da scasso, tra i quali guanti in gomma elasticizzati, caccia viti vari, chiavi inglesi ecc. Inoltre sono stati rinvenuti 2 lucchetti già danneggiati, con tutta probabilità tagliati durante altri furti commessi in precedenza. Dagli accertamenti è stato appurato infine che l’uomo, sul quale già pendeva un ordine del Questore di Milano di abbandonare il territorio nazionale, datato febbraio 2015 evidentemente non ottemperato, vantava un curriculum ricco di precedenti per reati contro il patrimonio. 

Quindi, anche in virtù dei lucchetti danneggiati ritrovati in suo possesso, sono stati messi in correlazione altri 3 episodi di tentativi di furto a Ravenna, sempre in danno di esercizi commerciali, per i quali ora i carabinieri stanno verificando le immagini disponibili: l’ipotesi è che possa trattarsi sempre dello stesso autore, magari con l’aiuto di un complice. Dopodichè il ladrostato condotto negli uffici del Nucleo Operativo e Radiomobile dove è stato dichiarato in stato di arresto e, come disposto dall’Autorità Giudiziaria, è stato trattenuto in camera di sicurezza in attesa del rito direttissimo.