Faenza

Ladri inseguiti da una cassiera e arrestati

Una donna di 43 e un ragazzo di 20 di etnia rom avevano riempito al Conad una borsa con 10 chili di Parmigiano-Reggiano

Ladri inseguiti da una cassiera e arrestati
| Altro
N. Commenti 0

09/ottobre/2015 - h. 18.33

CASTEL BOLOGNESE - Vanno al supermercato e fanno la spesa... rubando del formaggio Parmigiano-Reggiano Dop in tranci confezionati: non fanno i conti però con la cassiera del supermercato che li insegue per strada finché i malviventi finiscono nelle braccia dei carabinieri. A finire nei guai con tanto di arresto per furto aggravato in concorso sono due rom, un giovane di 20 anni e una donna di 43 senza fissa dimora ma provenienti dal bolognese. 

I due sono entrati mercoledì verso mezzogiorno al Conad in via Emilia Levante 243 e hanno fatto razzia di Parmigiano, cacciando in una borsa 21 tranci da mezzo chilo l’uno per un totale di circa 10 chili e un valore di 200 euro. Alla cassa, però, hanno messo sul rullo solo uno snack, hanno pagato velocemente e si sono precipitati all’uscita. 

Il personale del supermercato era già allertato in quanto lo scorso 29 settembre avevano preso il volo 8 chili dello stesso formaggio in coincidenza con la presenza delle due stesse persone. A lanciarsi all’inseguimento dei due rom è stata la cassiera, mentre i colleghi hanno subito avvertito i carabinieri della stazione castellana: la donna è rimasta sulle loro tracce lungo le vie Matteotti, Contoli, Pascoli e Tassinari. 

Qui sono arrivati i carabinieri che hanno stanato i due ladri da un cespuglio dove avevano cercato di nascondersi: avevano ancora 5 pezzi di Parmigiano nella borsa; gli altri li avevano seminati per strada nel tentativo di disfarsene. Mentre il formaggio è stato riconsegnato al supermercato, la coppia rom è stata condotta nelle camere di sicurezza della caserma di Faenza. 

Ieri mattina il 20enne e la 43enne, con precedenti simili in supermercati del bolognese e del modenese, sono stati condotti in tribunale a Ravenna dove il giudice Barlotti (pm Bartolozzi) ha convalidato i loro arresti: in seguito alla richiesta dei termini a difesa da parte dell’avvocato, i due sono stati rimessi in libertà con il divieto di farsi trovare nel territorio della provincia di Ravenna, in attesa del processo. r.c.