Rimini

La Biennale del Disegno si arricchisce

Grazie all’accordo con il Polo Museale dell’Emilia Romagna in arrivo prestiti eccellenti

La Biennale del Disegno si arricchisce
| Altro
N. Commenti 0

26/febbraio/2016 - h. 13.40

Sottoscritto l’accordo di collaborazione con il Polo Museale dell’Emilia Romagna per le prossime tre edizioni della Biennale del disegno. “Un progetto - sottolinea con nota d’orgoglio l’amministrazione comunale - nato con l’intento di creare per la prima volta in Italia un’indagine inedita sul tema del disegno come espressione dell’ingegno e della creatività nell’arte e che, dopo l’ottimo riscontro ottenuto al debutto nel 2014, mira a crescere e consolidarsi nel panorama culturale e artistico italiano”.

“Il Polo Museale dell’Emilia Romagna ha scelto la Biennale di Rimini – rilancia anche il sindaco Andrea Gnassi – A conferma della credibilità e del valore del percorso che abbiamo intrapreso, investendo sulla cultura, sull’arte e sul nostro patrimonio artistico come motore di sviluppo, costruttore di relazioni umane e sociali. Rimini ha lanciato un segnale forte di cambiamento, proponendosi come città d’arte con contenuti nuovi, di livello internazionale. Lo stiamo facendo attraverso la riqualificazione dei contenitori e delle nostre eccellenze culturali, dal teatro Galli al Fulgor, dal Ponte di Tiberio a Piazza Malatesta e parallelamente introducendo contenuti innovativi, che consolidino l’immagine di Rimini non solo come capitale del turismo balneare, ma anche come importante centro storico, artistico e culturale”.

Il Polo Museale dell’Emilia-Romagna è nato nel 2015, a seguito della riforma voluta dal Ministero della Cultura, con lo scopo di gestire e sviluppare tutte le attività di valorizzazione e promozione dei musei, gallerie, pinacoteche statali della Regione. Un’istituzione che ha visto nella Biennale del disegno Rimini un’occasione per promuovere il grande patrimonio a disposizione. Già nell’edizione 2016 - che inaugurerà il 23 aprile per concludersi il 10 luglio - la Biennale potrà contare su quaranta prestiti eccellenti provenienti da gallerie e musei nazionali della Regione. Duemila complessivamente i disegni in esposizione per questa edizione, “Profili del mondo, da Guido Reni a Francis Bacon da Andrea Pazienza a Kiki Smith”.

“E’ un’opportunità preziosa che si apre per lo sviluppo della Biennale – commenta anche l’assessore alla cultura del Comune di Rimini Massimo Pulini – Avremo infatti la possibilità non solo di contare su appoggio logistico, ma soprattutto di condividere contenuti e idee insieme alla massima istituzione culturale della Regione. Si tratta del primo accordo di questo tipo in Italia che coinvolge un progetto dedicato al disegno e che di fatto equipara la ‘Biennale’ ad altri due grandi appuntamenti culturali della nostra terra, ovvero il Festival di Santarcangelo dei Teatri e il Ravenna Festival, le uniche altre due manifestazioni che attualmente possono vantare l’appoggio del Ministero”.

Scopo dell’accordo è quello di “valorizzare e diffondere singole parti o intere collezioni grafiche pubbliche e private, italiane e straniere affinché possano essere scientificamente studiate e quindi sottoposte ad un pubblico più vasto”.