Rimini. Elezioni comunali

Gli equilibri del nuovo Consiglio Comunale

Ridimensionato il peso del Pd con 13 consiglieri. C’è Patto Civico, a cui vanno 5 seggi. La Lega in posizione dominante

Gli equilibri del nuovo Consiglio Comunale

Sala del Consiglio Comunale di Rimini

| Altro
N. Commenti 0

07/giugno/2016 - h. 12.07

Equilibri completamente stravolti in consiglio comunale. Non solo perché la maggioranza guadagna punti e la minoranza si ridimensiona. Oltre ai numeri a fare la differenza è la sostanza. La coalizione vincitrice mette insieme ben 20 consiglieri, tre in più rispetto ai 17 con cui ha finito la legislatura. Ma paradossalmente è proprio il partito forte, il Pd, a perdere peso specifico, scendendo da 16 a 13 consiglieri. Al suo fianco spunta un’inedita e sostanziosa rappresentanza di Patto Civico, che con 8.458 voti (il 13,83%) si aggiudica 5 seggi, scoprendosi il secondo partito della città. Un consigliere a testa anche per Rimini Attiva e Rimini Futura. Mentre restano fuori gioco le altre due liste della coalizione che ha sostenuto la candidatura di Andrea Gnassi, Sinistra per Rimini e Italia dei Valori - Centro Democratico.

In dodici sui banchi della minoranza, dove ad assumere la posizione dominante adesso è la Lega Nord, con 5 consiglieri. Con il candidato sindaco del centrodestra quattro consiglieri, più del doppio di quelli che continueranno a tenere alta la bandiera di Forza Italia, rimasti in due. Mantiene saldo il suo consigliere Fratelli d’Italia. E ne piazza uno anche per Uniti si Vince. L’altro volto dell’opposizione è quello di Obiettivo Civico, che oltre al candidato sindaco esprime due consiglieri. Sulla proiezione dei seggi assegnati alle liste (dati ufficiosi fino a quando non sarà finito il lavoro di verifica dei verbali di voto, che prenderà avvio domani e richiederà alcuni giorni) ecco quindi la possibile composizione del nuovo consiglio comunale.

Con Gnassi che resta al suo posto per il Pd si confermano Mattia Morolli (626), Sara Donati (389), Enrico Piccari (324), Simone Bertozzi (323); entrano il segretario provinciale del Pd Juri Magrini (580), Matteo Petrucci (524), Barbara di Natale (384), Giorgia Bellucci (337), Milena Falcioni (323), Annamaria Barilari (305), Giovanni Casadei (304), Lucilla Frisoni (304) e Giulia Corazzi che pur essendo ex aequo con Fabio Grassi (281 voti) ha dalla sua la posizione più vantaggiosa in lista.

Per Patto Civico Mario Erbetta (326), Marco Zamagni (303), Davide Frisoni (279), Mirco Muratori (273) e Daniela De Leonardis (248). Per Rimini Attiva Kristian Gianfreda (418).

Per Futura con Gnassi Luca Pasini (283). Dall’altra parte dell’aula. Al fianco di Marzio Pecci per la Lega Nord Matteo Zoccarato (145), Cristiano Mauri (126), Diana Trombetta (113), Andrea Cabri (95).

Per Forza Italia confermatissimo Nicola Marcello - che è riuscito nell’impresa di battere il suo personalissimo record, 1.134 voti nel 2011, ben 1.237 oggi - e con lui entra Carlo Rufo Spina (223). Già consiglieri nella precedente legislatura Gennaro Mauro (245) torna in consiglio per Uniti si Vince Gioenzo Renzi (663) per Fratelli d’Italia. Mentre con Luigi Camporesi ci sono anche Filippo Zilli (341) e Andrea Bellucci (243).

vdt