Forlì

Promotore finanziario scambiato per truffatore

Tenuto sotto scacco con una mazza dal figlio di un anziano

Promotore finanziario scambiato per truffatore
| Altro
N. Commenti 0

11/dicembre/2016 - h. 12.31

Allarme massimo in via Caterina Sforza ieri pomeriggio attorno alle 15. Due
soggetti si infilavano nelle abitazione, e come promotori finanziari chiedevano
alla persone di cambiare contratti delle utenze. In una palazzina, dove vi abita un forlivese 90enne e sotto di lui i figli, sarebbe entrato uno di questi sconosciuti, stranieri e di colore, che sarebbe stato sorpreso proprio da uno dei figli dell’anziano convinto di aver fermato un truffatore. Subito sono stati chiamati i carabinieri. 
Due pattuglie, una del Radiomobile e una della stazione di Forlì, sono arrivate a sirene spiegate sul posto e per chiarire la situazione c’è voluto parecchio tempo. Uno di questi stranieri avrebbe dichiarato di essere stato tenuto sotto scacco con una mazza da baseball. Alla fine i due promotori finanziari, sempre che lo siano, sono stati portati in caserma in corso Mazzini per una serie di accertamenti. Ai carabinieri hanno dichiarato di essere arrivati a Forlì in pullman. 
Molta paura è stata vissuta nella palazzina di via Caterina Sforza a pochi metri dal forno Casamenti dove tanta gente è venuta fuori dalle abitazione. L’episodio comunque resta ancora da chiarire esattamente. Con l’allarme truffe di questi tempi.
Allarme massimo in via Caterina Sforza ieri pomeriggio attorno alle 15. Due soggetti si infilavano nelle abitazione, e come promotori finanziari chiedevano alla persone di cambiare contratti delle utenze. In una palazzina, dove vi abita un forlivese 90enne e sotto di lui i figli, sarebbe entrato uno di questi sconosciuti, stranieri e di colore, che sarebbe stato sorpreso proprio da uno dei figli dell’anziano convinto di aver fermato un truffatore. Subito sono stati chiamati i carabinieri. 

Due pattuglie, una del Radiomobile e una della stazione di Forlì, sono arrivate a sirene spiegate sul posto e per chiarire la situazione c’è voluto parecchio tempo. Uno di questi stranieri avrebbe dichiarato di essere stato tenuto sotto scacco con una mazza da baseball. Alla fine i due promotori finanziari, sempre che lo siano, sono stati portati in caserma in corso Mazzini per una serie di accertamenti. Ai carabinieri hanno dichiarato di essere arrivati a Forlì in pullman. 

Molta paura è stata vissuta nella palazzina di via Caterina Sforza a pochi metri dal forno Casamenti dove tanta gente è venuta fuori dalle abitazione. L’episodio comunque resta ancora da chiarire esattamente. Con l’allarme truffe di questi tempi.