Sant'Agata sul Santerno

Arrestati gli autori del fallito colpo in banca di mercoledì

I carabinieri, grazie alle immagini di videosorveglianza, hanno arrestato i tre malviventi

Arrestati gli autori del fallito colpo in banca di mercoledì
| Altro
N. Commenti 0

04/febbraio/2017 - h. 18.05

I Carabinieri del comando provinciale di Ravenna, con la collaborazione dei colleghi di altri reparti del centro Italia, hanno impiegato appena nove ore per individuare e bloccare i responsabili della tentata rapina di mercoledì scorso alla filiale della Cassa di Risparmio di Ravenna, a Sant'Agata sul Santerno. 
Si tratta di tre napoletani, tutti già noti alle forze dell'ordine, rispettivamente di 67, 32 e 27 anni: il provvedimento di fermo è stato firmato dal pubblico ministero Angela Scorza. "Fondamentali, oltre alla collaborazione tra i vari reparti dell'Arma, sono state le immagini di videosorveglianza installate non solo all'interno e all'esterno dell'istituto di credito, ma anche sulla pubblica via dall'Unione dei Comuni della Bassa Romagna", ha affermato il comandante provinciale, colonnello Massimo Cagnazzo.“
Dalle immagini di videosorveglianza esterne è stata immortalata una "Audi Q3" muoversi di pari passo con una "600". Grazie alle telecamere installate nel centro abitato di Sant'Agata i militari sono riusciti a risalire al numero di targa e al proprietario, un campano. Il fatto che la piccola "Fiat" sia stata abbandonata in un parcheggio ha ulteriolmente spinto gli inquirenti all'ipotesi di uno cambio di auto, con la concretezza del coinvolgimento indiretto dell'Audi nella rapina.
Da qui sono partite le ricerche e i Carabinieri di Sansepolcro hanno intercettato l'Audi intorno alle 20 sull'E45. A quel punto sono stati avvisati gli altri comandi dell'Arma lungo la superstrada. Alle 23,30, grazie ad un posto di blocco non molto visibile, la vettura è stata bloccata. A bordo vi erano i tre sospettati, ma anche i berretti, gli occhiali e il coltello usati per la rapina. 
I Carabinieri del comando provinciale di Ravenna, con la collaborazione dei colleghi di altri reparti del centro Italia, hanno impiegato appena nove ore per individuare e bloccare i responsabili della tentata rapina di mercoledì scorso alla filiale della Cassa di Risparmio di Ravenna, a Sant'Agata sul Santerno. 

Si tratta di tre napoletani, tutti già noti alle forze dell'ordine, rispettivamente di 67, 32 e 27 anni: il provvedimento di fermo è stato firmato dal pubblico ministero Angela Scorza. "Fondamentali, oltre alla collaborazione tra i vari reparti dell'Arma, sono state le immagini di videosorveglianza installate non solo all'interno e all'esterno dell'istituto di credito, ma anche sulla pubblica via dall'Unione dei Comuni della Bassa Romagna", ha affermato il comandante provinciale, colonnello Massimo Cagnazzo.“

Dalle immagini di videosorveglianza esterne è stata immortalata una Audi Q3 muoversi di pari passo con una Fiat 600. Grazie alle telecamere installate nel centro abitato di Sant'Agata i militari sono riusciti a risalire al numero di targa e al proprietario, un campano. Il fatto che l'utilitaria sia stata abbandonata in un parcheggio ha ulteriolmente spinto gli inquirenti all'ipotesi di uno cambio di auto, con la concretezza del coinvolgimento indiretto dell'Audi nella rapina.

Da qui sono partite le ricerche e i Carabinieri di Sansepolcro hanno intercettato l'Audi intorno alle 20 sull'E45. A quel punto sono stati avvisati gli altri comandi dell'Arma lungo la superstrada. Alle 23,30, grazie ad un posto di blocco non molto visibile, la vettura è stata bloccata. A bordo vi erano i tre sospettati, ma anche i berretti, gli occhiali e il coltello usati per la rapina.