Rimini

Sequestrati quasi 3.000 articoli irregolari

In un negozio di Borgo Marina di cinesi svariate irregolarità in materia di ‘codice del consumo’

Sequestrati quasi 3.000 articoli irregolari
| Altro
N. Commenti 0

19/maggio/2017 - h. 11.18

Sono stati quasi 3.000 gli articoli sequestrati dalla Polizia Municipale di Rimini al termine di un controllo amministrativo effettuato nella giornata di ieri in un negozio di Borgo Marina, nell’ambito delle attività finalizzate alla tutela del consumatore. 
Il controllo ha portato alla luce svariate irregolarità in materia di ‘codice del consumo’ (i prodotti in vendita riportavano scarse e non chiare indicazioni rispetto alla provenienza e alle caratteristiche) e il mancato rispetto della direttiva europea sulla sicurezza dei giocattoli.  
Al termine dell'attività sono stati posti sotto sequestro un totale di 2.956 articoli vari, tra cui phon, rasoi e prodotti per la cura della persona, giocattoli, palloni, aquiloni, massaggiatori, power bank (batterie portatili), lettori musicali mp3 ecc. Oltre al sequestro degli articoli, sono scattate sanzioni amministrative pari a 12.128 euro. 
Ai titolari dell’esercizio, di nazionalità cinese, sono state contestate anche violazioni rispetto alla conduzione dell'attività e alla sicurezza sul lavoro, che hanno portato a ulteriori due sanzioni da 1.032 euro l’una e alla denuncia.
Sono stati quasi 3.000 gli articoli sequestrati dalla Polizia Municipale di Rimini al termine di un controllo amministrativo effettuato nella giornata di ieri in un negozio di Borgo Marina, nell’ambito delle attività finalizzate alla tutela del consumatore. 

Il controllo ha portato alla luce svariate irregolarità in materia di ‘codice del consumo’ (i prodotti in vendita riportavano scarse e non chiare indicazioni rispetto alla provenienza e alle caratteristiche) e il mancato rispetto della direttiva europea sulla sicurezza dei giocattoli.  

Al termine dell'attività sono stati posti sotto sequestro un totale di 2.956 articoli vari, tra cui phon, rasoi e prodotti per la cura della persona, giocattoli, palloni, aquiloni, massaggiatori, power bank (batterie portatili), lettori musicali mp3 ecc. Oltre al sequestro degli articoli, sono scattate sanzioni amministrative pari a 12.128 euro. 

Ai titolari dell’esercizio, di nazionalità cinese, sono state contestate anche violazioni rispetto alla conduzione dell'attività e alla sicurezza sul lavoro, che hanno portato a ulteriori due sanzioni da 1.032 euro l’una e alla denuncia.