Ravenna

Nota discoteca di Marina trovata con parte dei lavoratori in nero

Tutto a posto invece per quanto riguarda la sicurezza e la somministrazione di alcolici a minori

Nota discoteca di Marina trovata con parte dei lavoratori in nero
| Altro
N. Commenti 0

24/giugno/2017 - h. 19.42

Questa notte verso l’1,30 è stato controllata una nota discoteca di Marina di Ravenna, con il coordinamento della Divisione di Polizia Amministrativa della Questura ed il concorso degli investigatori della Squadra Mobile, del personale della Polizia Municipale, dell’Ispettorato del Lavoro e dell’ARPAE di Ravenna, ed ogni forza ispettiva e di polizia ha proceduto alla verifica dei singoli settori di competenza. Per quanto attiene all’ambito della sicurezza gli addetti in servizio sono risultati tutti in regola e nella verifica delle modalità di accesso si è potuto verificare lo scrupolo nel controllo dei documenti per l’accertamento dell’età anagrafica.
Tutto in ordine anche per le licenze, le uscite di sicurezza, i presidi antincendio, l’impianto di diffusione sonora e la somministrazione delle bevande alcoliche vietate ai minori nei bar interni.
Note dolenti per quanto attiene invece al personale di servizio ove 4 lavoratori su 11 sono risultati in nero ovvero senza un contratto di lavoro regolare. Gli Ispettori del lavoro  hanno elevato quattro sanzioni da 3.000 euro per ciascun lavoratore decretando la sospensione della attività da martedì prossimo sino alla regolarizzazione di tali lavoratori. Il controlli e le verbalizzazioni sono proseguite sino alle prime luci dell’alba.
Questa notte verso l’1,30 è stato controllata una nota discoteca di Marina di Ravenna, con il coordinamento della Divisione di Polizia Amministrativa della Questura ed il concorso degli investigatori della Squadra Mobile, del personale della Polizia Municipale, dell’Ispettorato del Lavoro e dell’ARPAE di Ravenna, ed ogni forza ispettiva e di polizia ha proceduto alla verifica dei singoli settori di competenza. 

Per quanto attiene all’ambito della sicurezza gli addetti in servizio sono risultati tutti in regola e nella verifica delle modalità di accesso si è potuto verificare lo scrupolo nel controllo dei documenti per l’accertamento dell’età anagrafica.Tutto in ordine anche per le licenze, le uscite di sicurezza, i presidi antincendio, l’impianto di diffusione sonora e la somministrazione delle bevande alcoliche vietate ai minori nei bar interni.

Note dolenti per quanto attiene invece al personale di servizio ove 4 lavoratori su 11 sono risultati in nero ovvero senza un contratto di lavoro regolare. Gli Ispettori del lavoro  hanno elevato quattro sanzioni da 3.000 euro per ciascun lavoratore decretando la sospensione della attività da martedì prossimo sino alla regolarizzazione di tali lavoratori. Il controlli e le verbalizzazioni sono proseguite sino alle prime luci dell’alba.